Cosa sono e Quali sono i principali Indicatore economici | Rankia: Comunità finanziaria

Cosa sono e Quali sono i principali Indicatore economici

Indicatore economici? Ci sono fattori determinanti per conoscere o conoscere un paese nel suo aspetto economico. Questi sono chiamati indicatori. Vediamo “Cosa sono e quali sono i principali Indicatore economici”. Tutto in questo mondo viene misurato e quando si tratta di economia, quella misura è molto più essenziale, continuiamo.

Cosa sono e Quali sono i principali Indicatore economici

Definizione

Sono una serie di dati, valori e informazioni che facilitano l'ottenimento di misure per l'analisi dell'economia in determinati settori di un paese. Gli indicatori economici consentono di prendere decisioni per il futuro e prevedere il comportamento dell'economia.

Tipi di indicatori economici

Possiamo classificare gli indicatori economici in tre tipologie che sono:

  • Indicatore economico ritardato: è il tipo di indicatore che segue un evento. La sua importanza sta nella sua capacità di confermare che si sta verificando uno schema. Come ad esempio la disoccupazione; quindi se il tasso di disoccupazione aumenta, segnala che l'economia è sulla strada sbagliata.
  • Indicatore economico coincidente: questi indicatori si verificano contemporaneamente alle condizioni economiche che studiano. Quindi non prevede eventi futuri e cambiano nel tempo con l'economia o il mercato azionario. Esempi: prodotto interno lordo e tasso di reddito personale.
  • Indicatore economico avanzato: Questi tipi di indicatori indicano eventi futuri, Prendiamo come esempio il semaforo giallo di un semaforo, questo indica che sta arrivando il semaforo rosso, nel mondo dell‘economia questi indicatori funzionano allo stesso modo, tuttavia non sono così precisi.

Nuove costruzioni, tassi di interesse, richieste di sussidio di disoccupazione medie, offerta di moneta e prezzi delle azioni sono tra gli indicatori principali.

Gli indicatori più utilizzati

Tra un mondo di indicatori, possiamo segnalarne alcuni tra i più utilizzati:

  • Prodotto interno lordo: il PIL misura sostanzialmente l'economia di un paese. Cioè, la quantità di beni e servizi prodotti in un determinato paese. Dare come analisi il risultato della crescita economica di un Paese. Permette di fare confronti con altri paesi, determinare possibili problemi; per esempio: la crescita non era ciò che ci si aspettava, quindi, consente di fare diagnosi e pianificare modi per migliorare.

Il PIL permette anche di analizzare i settori dell'economia che generano più o meno reddito e, quindi, è possibile determinare le debolezze economiche, ovvero in quali settori investire.

  • Tasso di interesse: questo è uno degli indicatori più conosciuti, il tasso di interesse è il valore massimo che una persona deve pagare per acquisire un prestito. La percentuale è stabilita tenendo conto delle diverse variabili economiche generate dal Paese. Un esempio: se un paese rappresenta una minore sicurezza economica, i tassi di interesse saranno più alti.
  • Tasso di disoccupazione: questo indicatore indica il numero di persone che non lavorano, di coloro che cercano lavoro e di coloro che sono in età lavorativa. Un fattore molto rilevante per un Paese, poiché se l'indice è alto indica che l'economia presenta problemi, se al contrario è basso l'economia starebbe in crescita.
  • Inflazione: questo indice riflette un continuo aumento dei prezzi in un paese, è possibile classificare tre tipi di inflazione:
  • Inflazione della domanda: viene fornita quando la domanda supera l'offerta.
  • Inflazione dei costi: si verifica quando gli input necessari per produrre beni e servizi sono elevati ei costi di produzione vengono trasferiti al consumatore.
  • Inflazione inerziale: derivante dall'impatto psicologico delle tendenze inflazionistiche nei periodi precedenti.

È presente anche la deflazione, che è l'opposto dell'inflazione.

  • Bilancia dei pagamenti: è il record di pagamento di tutte le transazioni che un paese ha effettuato con il resto del mondo, indica le entrate e le spese di un paese in un dato periodo di tempo. Questo flusso non deve essere necessariamente finanziario, può provenire dall'acquisto o dalla vendita di beni e servizi, prestiti, investimenti e altro.

Conclusione

Ci sono molti indicatori finanziari, ogni paese considera l'uno o l'altro più importanti, tuttavia, a livello generale, quelli sopra citati sono i più noti. Questi indicatori ci danno una buona lettura dell'economia, sono il pane quotidiano in borsa e nelle notizie di ogni paese. Se vuoi saperne di più, lascia un commento.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy