Cosa sono e quali sono i principali indicatori economici

Ci sono fattori determinanti per conoscere l'economia di un Paese. Questi aspetti sono chiamati indicatori economici. In questo post vedremo quali sono i principali indicatori economici.

indicatori statistici economici

Cosa sono gli indicatori economici

Gli indicatori economici sono una serie di dati, valori e informazioni che facilitano l'ottenimento di misure per l'analisi dell'economia in determinati settori di un paese. Gli indicatori economici consentono di prendere decisioni per il futuro e prevedere il comportamento dell'economia.

Così come usiamo un termometro per misurare la nostra temperatura corporea quando siamo malati, gli economisti usano gli indicatori economici per misurare lo stato di un'economia.

Ma va notato che esiste un numero infinito di indicatori economici, poiché, all'interno della stessa economia, possiamo misurarli attraverso il prodotto interno lordo (PIL). Abbiamo indicatori per misurare tutte le variabili che la influenzano, come la disoccupazione, che misureremmo attraverso il tasso di disoccupazione, o l'inflazione, che seguiremmo attraverso indicatori come l'indice dei prezzi al consumo (CPI).

In sostanza, gli indicatori economici consentono agli economisti e ai non economisti di analizzare l'economia, o una parte di essa, e di vedere come si sta evolvendo. In questo modo, possiamo studiare questi indicatori attraverso le loro serie storiche per analizzare, ad esempio, l'evoluzione del ciclo economico e le sue diverse fasi.

Come possono essere divisi gli indicatori economici

In altre parole, un indicatore economico è un tipo di dato economico che, estratto attraverso le statistiche, ci permette di conoscere lo stato passato e presente, e di prevedere il futuro, di una determinata economia. Gli indicatori economici possono essere classificati secondo diverse caratteristiche.

Tipi di indicatori economici

Come abbiamo già detto, esistono indicatori economici come il PIL, che aiutano a misurare un'economia a livello generale, e altri indicatori come il tasso di disoccupazione, che aiutano a misurare una parte specifica di quell'economia.

Una prima classificazione potrebbe essere quella tra indicatori macroeconomici e indicatori microeconomici.

  • Indicatori macroeconomici: le grandezze sono grandezze aggregate, cioè misurano l'economia nel suo complesso, come nel caso del PIL. Un esempio di indicatore macroeconomico è il PIL, che non distingue tra settori e riunisce tutta la produzione degli agenti economici di un Paese.
  • Indicatori microeconomici: come suggerisce il nome, misurano la microeconomia, quindi si concentrano sui milioni di unità produttive che compongono una determinata economia e lo fanno su base individuale. Detto questo, alcuni esempi potrebbero essere gli indicatori finanziari che utilizziamo per misurare la salute di un'azienda. Questi ci permettono di conoscere lo stato di un particolare agente economico.

Tuttavia, va notato che, oltre a questa classificazione, esistono altri tipi di indicatori economici, che dipendono da altre caratteristiche, come il tempo di reazione, la portata o la tendenza.

Indicatori economici in base al tempo di reazione

Possiamo classificare gli indicatori economici, a seconda del tempo, in tre tipologie che sono:

  • Indicatore economico di ritardo: è il tipo di indicatore che segue un evento. La sua importanza sta nella sua capacità di confermare che si sta verificando uno schema. Come ad esempio la disoccupazione; quindi se il tasso di disoccupazione aumenta, segnala che l'economia è sulla strada sbagliata. Questi sono gli indicatori di ritardo:
    • Spread creditizio medio applicato dalle banche
    • Durata media della disoccupazione
    • Variazione del costo del lavoro per unità di prodotto (LCOU)
    • Rapporto tra credito residuo e reddito personale
  • Indicatore economico coincidente: questi indicatori si verificano contemporaneamente alle condizioni economiche che studiano. Quindi non prevede eventi futuri e cambiano nel tempo con l'economia o il mercato azionario. Ecco alcuni esempi:
    • Prodotto interno lordo
    • Produzione industriale
    • Tasso di disoccupazione
    • Reddito
    • Vendite
  • Indicatore economico anticipatore: Questi tipi di indicatori indicano eventi futuri, Prendiamo come esempio il semaforo giallo di un semaforo, questo indica che sta arrivando il semaforo rosso, nel mondo dell‘economia questi indicatori funzionano allo stesso modo, tuttavia non sono così precisi. Tra gli indicatori economici anticipatori troviamo:
    • Indice azionario
    • Tasso di interesse
    • Aspettative dei consumatori
    • Differenziale di tasso di interesse
    • Nuovi ordini per la produzione di beni di consumo
    • Media delle richieste di disoccupazione

Indicatori economici in base al trend

  • Indicatore economico prociclico: il comportamento dell'indicatore, o meglio il valore dell'indicatore, è in sintonia con il ciclo economico. In altre parole, potremmo dire che esiste una stretta correlazione tra gli sviluppi economici e il valore mostrato dall'indicatore. Il PIL è il miglior esempio di indicatore prociclico.
  • Indicatore economico anticiclico: l'indicatore anticiclico è quello in cui il comportamento mostrato dal valore è in contrasto con la tendenza osservata. Se l'economia registra una situazione negativa, l'indicatore anticiclico subirà una variazione positiva. In altre parole, diremmo che esiste una correlazione inversa. Prendiamo ad esempio la disuguaglianza. Aumenta al diminuire dell'economia, oppure il tasso di disoccupazione, che aumenta al diminuire del PIL.
  • Indicatore economico aciclico: non c'è correlazione tra ciò che accade in una determinata economia e ciò che mostra l'indicatore economico. Molti indici di borsa spesso non mostrano alcuna correlazione con il ciclo economico.

Potrebbe interessarti: Cos’è un ciclo economico e quali sono le sue fasi?

Indicatori economici in base al settore economico

  • Indicatori del mercato del lavoro: In questa sezione possiamo includere, per esempio, il tasso di disoccupazione e della popolazione attiva.
  • Indicatori della situazione economica e della crescita economica: Prodotto interno lordo (PIL).
  • Indicatori di prezzo e potere d'acquisto: Qui troviamo l'indice dei prezzi al consumo (CPI) e l'inflazione.
  • Indicatori finanziari e di stato del conto: ROE, ROI, IRR, NPV, tra gli altri indicatori.
  • Indicatore delle operazioni commerciali all'estero: Qui annoveriamo la bilancia commerciale e la bilancia dei pagamenti.

Gli indicatori economici più importanti in Italia

Gli indicatori economici più importanti sono:

  • Prodotto interno lordo: il PIL misura sostanzialmente l'economia di un paese, cioè, la quantità di beni e servizi prodotti in un determinato paese e ne riflette la crescita economica. Permette di fare confronti con altri paesi, determinare possibili problemi; per esempio: la crescita non era ciò che ci si aspettava, quindi, consente di fare diagnosi e pianificare modi per migliorare.

Il PIL permette anche di analizzare i settori dell'economia che generano più o meno reddito e, quindi, è possibile determinare le debolezze economiche, ovvero in quali settori investire.

  • Tasso di interesse: questo è uno degli indicatori più conosciuti, il tasso di interesse è il valore massimo che una persona deve pagare per acquisire un prestito. La percentuale è stabilita tenendo conto delle diverse variabili economiche generate dal Paese. Un esempio: se un paese rappresenta una minore sicurezza economica, i tassi di interesse saranno più alti.
  • Tasso di disoccupazione: questo indicatore indica il numero di persone che non lavorano, di coloro che cercano lavoro e di coloro che sono in età lavorativa. Un fattore molto rilevante per un Paese, poiché se l'indice è alto indica che l'economia presenta problemi, se al contrario è basso l'economia starebbe in crescita.
  • Bilancia dei pagamenti: È il record di pagamento di tutte le transazioni che un paese ha effettuato con il resto del mondo, indica le entrate e le spese di un paese in un dato periodo di tempo. Questo flusso non deve essere necessariamente finanziario, può provenire dall'acquisto o dalla vendita di beni e servizi, prestiti, investimenti e altro.
  • Indice PMI: è un indicatore macro-economico riferibile al settore manifatturiero, dei servizi e delle costruzioni.  Leggi anche: Cos’è l’indice PMI e come funziona?

Inflazione

L'inflazione è l'aumento dei prezzi tra due periodi. Il principale indice utilizzato per misurare l'inflazione è l'Indice dei prezzi al consumo (IPC), che indica la crescita complessiva dei prezzi dei beni e dei servizi offerti in un Paese in un determinato periodo. L'inflazione può essere di tre tipi:

  1. Inflazione della domanda: viene fornita quando la domanda supera l'offerta.
  2. Inflazione dei costi: si verifica quando gli input necessari per produrre beni e servizi sono elevati ei costi di produzione vengono trasferiti al consumatore.
  3. Inflazione inerziale: derivante dall'impatto psicologico delle tendenze inflazionistiche nei periodi precedenti.

Oltre all'inflazione troviamo anche:

Deflazione: L'effetto opposto dell'inflazione è la deflazione, ovvero il deprezzamento dei prezzi dei prodotti e dei servizi offerti in un Paese in un determinato periodo.

Iperinflazione: significa che il livello dei prezzi aumenta molto rapidamente e in modo continuo e consecutivo, il che fa sì che le persone perdano costantemente il potere d'acquisto, il potere d'acquisto del denaro nei loro stipendi, senza poterlo conservare, a causa della sua costante perdita di valore. Le conseguenze di un mancato controllo di questo indicatore potrebbero essere molto dannose per l'economia di un Paese, sia per l'inflazione che per la deflazione che sfocia nell'iperinflazione, poiché porterà alla perdita o al guadagno di potere d'acquisto e si perde il rapporto tra il valore dei prodotti e il valore del denaro.

Ci sono molti indicatori finanziari, ogni paese considera l'uno o l'altro più importanti, tuttavia, a livello generale, quelli sopra citati sono i più noti. Più in basso vedremo un elenco più esaustivo di tutti gli indicatori economici.

Principali indicatori economici non italiani

Alcuni degli indicatori più popolari da seguire fuori dall'Italia sono:

CPI dell'Eurozona (Indice dei prezzi al consumo dell'Eurozona)

  • Fornisce un'indicazione dell'inflazione dei prezzi al consumo nell'UE e ha un impatto fondamentale sulla politica economica della BCE.
  • Pubblicato mensilmente e trimestralmente

Zew PMI tedesco (indice Zew del sentimento economico in Germania)

  • Indica il sentimento economico del settore bancario tedesco e le sensazioni sullo stato di salute dell'economia.
  • Pubblicato mensilmente

IFO tedesco (Indice IFO della Germania)

  • Indice manifatturiero tedesco
  • Pubblicazione mensile

Decisione sui tassi della BCE

  • I commenti del Presidente della BCE dopo la decisione sui tassi d'interesse sono solitamente seguiti e ascoltati.
  • Rilascio trimestrale

Indicatori economici mondiali

Ora che abbiamo visto quali sono gli indicatori economici più importanti, vediamo un elenco più completo.

Tra gli indicatori economici figurano diversi indici che, a seconda del Paese, avranno più o meno importanza, oltre ai dati sul reddito e a sintesi economiche come le seguenti:

  • Tasso di disoccupazione
  • Richieste di permessi edilizi
  • Indice dei prezzi al consumo (misura dell'inflazione)
  • Indice di leva dei consumatori
  • Livello di produzione industriale
  • Numero di fallimenti
  • Variazione del prodotto interno lordo
  • Livello di penetrazione di Internet a banda larga
  • Vendite al dettaglio
  • Tasso di variazione dell'offerta di moneta.

Altri indicatori, per settore economico, sono i seguenti:

Energia e ambiente

  • Emissioni di CO2

Mercato monetario

  • Tassi di interesse della banca centrale
  • Tassi ipotecari

Tasse

  • IVA – Imposta sul valore aggiunto
  • Imposte sul reddito dei lavoratori
  • Pressione fiscale

Commercio

  • Esportazioni di merci % PIL
  • Importazioni di merci % PIL
  • Saldo commerciale % PIL
  • Vendite al dettaglio

Mercato del lavoro

  • Tasso di disoccupazione
  • Indagine sulle forze di lavoro – LFS
  • Salario minimo
  • Salario medio
  • Indice di capitale umano

Prezzi:

  • IPC generale
  • IPCA Generale
  • Indice dei prezzi industriali
  • Prezzi al consumo dei prodotti petroliferi
  • Prezzi al consumo della benzina Super 95
  • Prezzi al consumo del gasolio per autotrazione
  • Prezzi al consumo del gasolio da riscaldamento

Mercati e quotazioni

  • Tassi di cambio
  • Rendimenti dei titoli di Stato a 10 anni
  • Premio di rischio rispetto alla Germania
  • Indici del mercato azionario
  • Materie prime
  • Prezzo del petrolio OPEC
  • Prezzo del greggio Brent europeo
  • Prezzo del petrolio West Texas Intermediate (Differenza tra Brent e WTI)
  • Baltic Dry Index

Conti nazionali e Governo

  • PIL annuale ai prezzi di mercato
  • Debito pubblico in milioni di euro
  • Disavanzo pubblico
  • Spesa pubblica
  • Spesa pubblica Istruzione
  • Spesa pubblica Salute
  • Spesa pubblica Difesa
  • Valutazioni: Rating del debito
  • Indice di percezione della corruzione
  • Indice di competitività globale
  • Indice di fragilità globale
  • Indice del diritto all'informazione
  • Indice di innovazione globale

Indicatori sociali

  • Indice globale del divario di genere
  • Popolazione
  • Migranti
  • Rimesse dei migranti
  • Totale migranti
  • Indice di sviluppo umano
  • Indice di progresso sociale – SPI
  • Indice di pace globale
  • Indice di invecchiamento globale
  • Tasso di natalità
  • Mortalità
  • Aspettativa di vita alla nascita
  • Matrimoni
  • Divorzi
  • Omicidi intenzionali
  • Popolazione carceraria
  • Rischio di povertà
  • Indice mondiale della felicità
  • Piramide della popolazione
  • Tasso di alfabetizzazione degli adulti

In conclusione, non possiamo concludere senza ricordare che, oltre a tutti quelli citati nell'articolo, esistono molti altri indicatori economici che vengono utilizzati nell'analisi economica. Il modo migliore per effettuare una buona analisi è quello di combinarne il più possibile, consentendo così un'analisi più ampia dell'economia in questione.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Required)

Guida di come investire in borsa
Questa guida ti aiuterà a sapere cosa devi sapere per iniziare con successo i tuoi investimenti:
  • Fondamenti finanziari
  • Cos'è la borsa valori e come funziona?
  • Consigli utili per gli investimenti

Articoli correlati

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy