Cos'è un CDO e come ha influenzato la crisi del 2008? | Rankia: Comunità finanziaria

Cos’è un CDO e come ha influenzato la crisi del 2008?

I CDO o Collateralized Debt Obligations sono un altro prodotto finanziario. Sono simili a pacchetti di debiti diversi che sono stati commercializzati come un unico prodotto o “affettati e tagliati a dadini”. Al culmine della bolla, le banche d'investimento usavano i CDO per mescolare mutui di qualità molto bassa con debito a basso rischio e, sulla base di questa combinazione, le agenzie di rating davano loro una buona valutazione. Tuttavia, tali valutazioni si sono rivelate il loro peggior nemico.

Cos'è un CDO e come ha influenzato la crisi del 2008?

La crisi del 2008 fu una crisi finanziaria (in particolare del credito) scoppiata negli Stati Uniti alla fine del 2007, ma i suoi effetti hanno cominciato a farsi sentire all'inizio del 2008. Ha messo sotto pressione molti paesi e imprese ed è stato il fattore scatenante di altre crisi (per esempio il debito pubblico).

Le istituzioni finanziarie hanno prestato denaro a molte famiglie e imprese senza la capacità di ripagarlo – i cosiddetti mutui subprime. Gli investitori generalmente non amano i prodotti finanziari con bassi rendimenti. Tra il 2002 e il 2004 il tasso d'interesse negli Stati Uniti è stato inferiore al 2%.

Così hanno iniziato a inventare modi “creativi” per offrire prodotti finanziari con tassi d'interesse migliori e con un rischio (presumibilmente) minimo. Hanno immediatamente rivolto la loro attenzione al mercato immobiliare – credevano che i prezzi delle case non sarebbero mai scesi, spoiler: a volte scendono. E sono arrivati i CDO.

In questo caso si può immaginare un CDO (Collateralized Debt Obligation) come una collezione di mutui classificati secondo il loro rischio di inadempienza da parte del mutuatario (famiglie).

Così la banca d'investimento (che vende prodotti finanziari agli investitori), compra un mucchio di mutui dalle banche normali (quelle che ti danno un prestito), li classifica secondo il loro rischio, li confeziona come un bel prodotto finanziario e li vende a tutti da Wall Street ad alti rendimenti e presumibilmente a rischio minimo.

La redditività di questi prodotti proviene dal pagamento mensile del mutuo delle famiglie. La rata viene pagata a chi possiede il mutuo, in questo caso gli investitori “grazie” alle banche d'investimento e a Wall Street.

Se le famiglie non possono pagare le rate del mutuo, le banche d'investimento prenderebbero le case e le venderebbero per più soldi del valore del mutuo. Ricordate che credevano che i prezzi delle case non sarebbero mai scesi.

Ma siccome si tratta di crisi, le cose andrebbero male. Ma prima dovevano essere confezionati altri CDO in modo che le conseguenze fossero enormi.

Sotto il falso presupposto che i prezzi delle case non scendono mai, il triumvirato di banche (normali), banche d'investimento e investitori ha iniziato a impazzire, ma proprio impazzire con la bicocca dei CDO e ha fatto 2 cose molto pericolose:

  • Hanno concesso mutui a clienti che non potevano ripagarli (per esempio senza acconto, senza garanzie, senza reddito fisso).
  • Si sono indebitati (hanno fatto leva) per poter concedere più mutui e vendere ancora più CDO.

La gente ha iniziato a comprare case come investimento, e i mutui sono stati concessi a chiunque, qualcosa di simile è successo in Europa.

Questo ha fatto salire alle stelle i prezzi delle case negli Stati Uniti. Per esempio, tra il 1997 e il 2006 il prezzo mediano delle case è aumentato del 124%. In meno di 10 anni, una casa che valeva 100.000 $US è diventata 224.000 $US.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy