Cosa sono i contratti a termine (futures) e come vengono acquistati? | Rankia: Comunità finanziaria

Cosa sono i contratti a termine (futures) e come vengono acquistati?

Un contratto a termine è un accordo tra due broker negoziati in una borsa o in un mercato organizzato. Tale contratto obbliga le parti ad acquistare e/o vendere un bene (azioni, materie prime, ecc.) ad una data di scadenza e ad un prezzo determinato in anticipo. I contratti futures possono essere acquistati o venduti in qualsiasi momento durante l'orario di contrattazione. 

Cosa sono i contratti a termine (futures) e come vengono acquistati?

Cos'è un contratto a termine?

Un contratto future è un accordo tra due parti in cui viene stabilito a priori un prezzo al quale entrambe le parti sono disposte ad acquistare e vendere entro un determinato periodo di tempo o una determinata data di scadenza. 

Acquisto di un contratto a termine

Quando un agente acquista un contratto future, si assume il diritto di ricevere il bene sottostante (azioni, materie prime…) alla data stabilita nel contratto.

  • Se il prezzo del sottostante è più alto alla scadenza rispetto al giorno della stipula del contratto, la parte acquirente realizzerà un profitto sulla differenza di prezzo positiva.
  • Se il prezzo è inferiore alla data di scadenza rispetto al giorno in cui è stato stipulato il contratto, la parte acquirente subirà una perdita per la differenza di prezzo negativa.

Contratto a termini

Nel grafico sopra riportato vediamo un esempio di acquisto di un contratto a termine quando il sottostante è quotato a 11.000.

Vendere un contratto a termine

Quando un trader vende un contratto future (posizione sell o ribassata) il trader dovrà consegnare alla data di scadenza il sottostante corrispondente al prezzo in quel momento.

  • Se il prezzo del sottostante alla scadenza è superiore a quello del giorno della conclusione del contratto, la parte venditrice subirà una perdita a causa della variazione positiva del prezzo.
  • Se il prezzo del sottostante è inferiore a quello della data di stipula del contratto, la parte venditrice avrà un guadagno dalla differenza di prezzo negativa. 

Nel mercato dei futures, i contratti aperti possono essere chiusi in qualsiasi momento, senza la necessità di raggiungere la data di scadenza. I contratti futures possono essere regolati alla scadenza mediante consegna fisica (ricevere fisicamente di beni o delle merci) o mediante differenze, con la differenza dei prezzi delle attività pagate o accreditate giornalmente a seconda che si realizzi un profitto o una perdita. 

Per chiudere una posizione in un contratto future dobbiamo effettuare la transazione opposta sul mercato

  • Se abbiamo comprato un futuro, chiuderemo la posizione vendendo un futuro.
  • Se abbiamo venduto un futuro, chiuderemo la posizione comprando un futuro.

In un contratto a termine ci sono due parti, un compratore e un venditore. Per essere un venditore, non è necessario essere stati un compratore in precedenza, cioè possiamo avviare un contratto future posizionandoci come detentori (essendo la parte venditrice dall'inizio del contratto). Ciò è possibile perché i nostri profitti e le nostre perdite sono generati dai profitti e dalle perdite della controparte del nostro contratto. 

I contratti futures più comuni sono per differenze, cioè, alla fine della giornata, le perdite di una parte sono i guadagni dell'altra parte, e il regolamento viene effettuato quotidianamente. 

Che cos'è la leva finanziaria nei contratti a termine?

I contratti futures sono derivati a leva. Ciò significa che non abbiamo bisogno di avere denaro nel nostro conto titoli per il trading di futures che corrisponda al valore nominale del contratto. Trattandosi di un mercato organizzato, esiste una stanza di compensazione che ci richiederà di fornire garanzie (una percentuale del valore nominale del contratto). Questa Camera di compensazione non ci chiederà il totale del valore nominale, solo una parte che può variare tra il 10 e il 20% in azioni italiane, per esempio.

Inoltre, l'intermediario finanziario (broker) ci chiederà alcune garanzie per effettuare il regolamento giornaliero delle perdite e dei guadagni (in caso di perdite, il broker richiede un margine di sicurezza per poter effettuare la controparte).

Quali operazioni possono essere effettuate con i futures?

La flessibilità dei futures permette diversi tipi di trading, e grazie all'effetto leva non sono necessarie grandi quantità di denaro per negoziare contratti futures. 

Operazioni speculative

Le operazioni speculative sono effettuate per ottenere un profitto dalla variazione dei prezzi, sia al rialzo (operazione di acquisto) che al ribasso (operazione di vendita)

  • Operazioni di acquisto: quando si acquista un future siamo rialzisti (long) e le nostre aspettative sono che i prezzi fluttuano verso l'alto dal giorno in cui il contratto viene formalizzato fino alla scadenza.
  • Operazioni di vendita: quando vendiamo un futuro siamo ribassisti (short) e le nostre aspettative sono che i prezzi fluttuano al ribasso dal giorno in cui il contratto viene formalizzato fino alla scadenza.

Operazioni di copertura

Possiamo utilizzare il contratto a termine per coprire il nostro portafoglio. Possiamo ridurne il rischio, anche cancellarlo, effettuando la transazione opposta alla nostra posizione azionaria vendendo contratti futures (per differenza) nella stessa proporzione. 

Se abbiamo un portafoglio di diversi titoli, possiamo ridurre il rischio vendendo contratti a termine su alcuni titoli o su un indice di riferimento.

Operazioni di arbitrato

Le operazioni di arbitrato non comportano rischi in quanto cercano di ottenere benefici dalla disparità dei prezzi dello stesso contratto a termine negoziato in due mercati diversi e che, a causa delle circostanze, il prezzo è temporaneamente diverso. 

Beni sottostanti per i futures finanziari

  • Futures su indici azionari: come IBEX 35, Bel 20, Dax 30, Cac 40, Ftse 100, Psi 20, Eurostoxx 50, Eco10, Dow Jones, Nasdaq 100 o S&P 500. La liquidazione per differenza viene effettuata mensilmente, il terzo venerdì di ogni mese con un moltiplicatore di 10 euro per ogni punto dello stambecco 35 e 1 euro per ogni punto del mini stambecco 35.
  • Futuri azionari: ad esempio su BBVA, Endesa, Iberdrola, Inditex, Repsol, Santander o Telefónica. Maturano trimestralmente, cioè il terzo venerdì di ogni trimestre, nel ciclo marzo-giugno-settembre-dicembre.
  • Interest Rate Futures: hanno lo scopo di coprire i rischi dovuti alle variazioni del tasso di interesse di mercato e hanno come sottostante attività finanziarie a reddito fisso, come obbligazioni, buoni del tesoro, depositi interbancari, obbligazioni ipotecarie… La scadenza di questo futuro è il terzo mercoledì dei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre.
  • Futures sulle commodity: commercializzano un'ampia varietà di prodotti come grano, bestiame, semi, prodotti caseari, legname, oro o petrolio. Si tratta di prodotti esposti a fattori difficili da controllare, come il clima, le malattie e le decisioni politiche… dove molti fattori condizionano l'evoluzione della domanda e dell'offerta.
  • Futures su cambi valuta: in relazione a Eur/Usd, Eur/Gbp, Usd/Gbp, Eur/Jpy o Uud/Jpy. Una grande differenza rispetto ad altri mercati finanziari è che il mercato dei futures su valute è attivo 24 ore al giorno. Il regolamento in questo tipo di prodotto è per differenza, confrontando il tasso di cambio del giorno del regolamento con quello del contratto.

Negoziazione di futures

I mercati dei futures hanno due funzioni comuni per tutti, indipendentemente dal tipo di prodotti che commerciano:

  • Sono rivelatori dei prezzi: attraverso i mercati dei futures è possibile scoprire i prezzi delle attività sottostanti molto prima che vengano regolati.
  • Servono a ridurre il rischio di prezzo: il rischio di prezzo può essere ridotto perché in un mercato c'è sempre qualcuno disposto ad assumersi il rischio che un altro vuole eliminare – la controparte.

 Inoltre, il Mercato dei Futures ha il compito di registrare, regolare e garantire le operazioni effettuate attraverso di esso con l'obiettivo principale di minimizzare il rischio di prezzo.

I futures finanziari sono negoziati sui principali mercati organizzati, come ad esempio

– A Chicago abbiamo il Chicago Board of Trade (CBOT), Chicago Mercantile Exchange (CME) e il Chicago Board Options Exchange (CBOE).

Londra sul London International Financial Futures Exchange (LIFFE).

– In Spagna sul mercato spagnolo dei futures finanziari (MEFF).

– In Germania e in Svizzera sulla borsa dell'euro (EUREX), si tratta di una fusione tra il mercato tedesco (DTB) e quello svizzero (SOFEX) dei derivati.

– In Francia, Paesi Bassi e Belgio su EURONEXT, una fusione tra i mercati dei derivati francesi (MATIF – MONEP), olandesi e belgi.


bolsa italia
Guida raccomandata

Guida di come investire in borsa

Come investire nel mercato azionario da zero. Scopri tutto e decidi il tuo stile di investimento.

Scaricare gratis

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy