Cosa sono i futures e come funzionano

Cosa sono i contratti a termine (futures)? Un contratto a termine è un accordo tra due broker negoziati in una borsa o in un mercato organizzato. Tale contratto obbliga le parti ad acquistare e/o vendere un bene (azioni, materie prime, ecc.) ad una data di scadenza e ad un prezzo determinato in anticipo. I contratti futures possono essere acquistati o venduti in qualsiasi momento durante l'orario di contrattazione. 

Futures

Cosa sono i futures

Un contratto future è un accordo tra due parti in cui viene stabilito a priori un prezzo al quale entrambe le parti sono disposte ad acquistare e vendere entro un determinato periodo di tempo o una determinata data una certa quantità di attività.

Quando un agente acquista un contratto future, si assume il diritto di ricevere il bene sottostante (azioni, materie prime…) alla data stabilita nel contratto.

Attraverso questo contratto l'acquirente assume l'obbligo di acquisire il bene in questione, pagando il prezzo stabilito. Nel frattempo il venditore deve consegnare il bene, ricevendo il prezzo accettato alla data concordata.

  • Se il prezzo del sottostante è più alto alla scadenza rispetto al giorno della stipula del contratto, la parte acquirente realizzerà un profitto sulla differenza di prezzo positiva.
  • Se il prezzo è inferiore alla data di scadenza rispetto al giorno in cui è stato stipulato il contratto, la parte acquirente subirà una perdita per la differenza di prezzo negativa.

Bisogna specificare che, a differenza delle opzioni, c'è un obbligo e non una facoltà, sia in capo all'acquirente che in capo al venditore: il che comporta un rischio derivante dall'incertezza sull'andamento dell'asset.

Contratto a termini
Esempio di acquisto di un contratto a termine: sottostante quotato a 11.000

Caratteristiche dei futures

Adesso che abbiamo spiegato, in breve, quali sono i meccanismi di funzionamento dei futures, proviamo a vedere le caratteristiche di questo strumento finanziario.

  • Negoziabile sul mercato: si tratta di uno strumento che può essere negoziato sul mercato. Ad esempio, l'acquirente del contratto può venderlo a un altro investitore. Questo, prima della data in cui avviene lo scambio (data di scadenza).
  • Condizioni standard: questi derivati ​​hanno solitamente condizioni standard. Pertanto, ogni future può essere stipulato per una quantità di materia prima, ad esempio il valore del contratto può essere equivalente a 100 once troy d'oro.
  • Necessità di pagamento delle garanzie: i negoziatori devono pagare delle garanzie, cioè una somma di denaro che riduca il rischio che la controparte non riceva quanto concordato nell'accordo (rischio di controparte).
  • Si basano su un'attività sottostante: questa può essere di natura finanziaria (come un indice azionario, azioni, prestiti, ecc.) o non finanziaria, come materie prime come metalli o prodotti agricoli.
  • Possibilità di venderlo senza averlo necessariamente acquistato: attraverso il meccanismo della c.d. vendita allo scoperto. In questo caso si dice che l'investitore va short. D'altro canto, se si acquista un future aspettandosi che il prezzo del sottostante aumenti, si dice che l'agente assume una posizione long.

Il ruolo della clearing house nei futures

Nel mercato dei futures, la funzione della camera di compensazione è fondamentale per assicurare sia la stabilità che l'efficienza delle transazioni. Questa istituzione agisce come intermediario tra il venditore e l'acquirente di ogni contratto future, assumendo un ruolo centrale soprattutto perché questi contratti sono spesso basati sull'utilizzo di leva finanziaria. La leva finanziaria implica l'uso di capitale in prestito per realizzare investimenti di maggiore entità, aumentando così il rischio e l'importanza dell'intermediazione.

Uno dei principali compiti della camera di compensazione è quello di mitigare il rischio di default. I contratti future implicano promesse di acquisto o vendita futuri di beni a un prezzo predeterminato. Tuttavia, la volatilità dei mercati può portare al rischio che una delle parti non sia in grado o non intenda rispettare l'accordo alla scadenza. La camera di compensazione riduce questo rischio fungendo da controparte in ogni contratto e garantendo l'esecuzione degli stessi.

Per gestire il rischio di inadempienza, viene richiesto ai partecipanti di depositare un “margine”. Questo funziona come una cauzione e serve a coprire potenziali perdite, fornendo una sicurezza finanziaria aggiuntiva.

Al termine di ogni sessione di trading, la camera di compensazione svolge un'attività di liquidazione delle posizioni. Questo processo coinvolge il calcolo dei guadagni e delle perdite e il conseguente adeguamento dei conti delle parti coinvolte. La liquidazione quotidiana aiuta a garantire che i fondi vengano trasferiti in modo sicuro e affidabile.

Questo ruolo regolatore della camera di compensazione è cruciale per mantenere la sicurezza e la prevedibilità del mercato dei futures. Fornendo un ambiente di trading più sicuro e controllato, incoraggia gli investitori a partecipare attivamente al mercato, sapendo che i loro investimenti sono salvaguardati da un sistema di regolamentazione efficace.

Per approfondire l'argomento, ti rimandiamo alla nostra guida completa sulla clearing house.

Che cos'è la leva finanziaria nei futures?

I contratti futures sono derivati a leva. Ciò significa che non abbiamo bisogno di avere denaro nel nostro conto titoli per il trading di futures che corrisponda al valore nominale del contratto. Trattandosi di un mercato organizzato, esiste una stanza di compensazione che ci richiederà di fornire garanzie (una percentuale del valore nominale del contratto). Questa Camera di compensazione non ci chiederà il totale del valore nominale, solo una parte che può variare tra il 10 e il 20% in azioni italiane, per esempio.

Inoltre, l'intermediario finanziario (broker) ci chiederà alcune garanzie per effettuare il regolamento giornaliero delle perdite e dei guadagni (in caso di perdite, il broker richiede un margine di sicurezza per poter effettuare la controparte).

Quali operazioni possono essere effettuate con i futures?

I futures sono strumenti che possono essere utilizzati per effettuare diverse tipologie di operazioni. Vediamole una per una:

  • Funzione di hedging: L'investitore potrebbe utilizzare i futures con funzione di hedging o copertura. Supponiamo, ad esempio, che l'agente abbia nel suo portafoglio un asset il cui prezzo dovrebbe scendere. Quindi, puoi vendere oggi stesso un future finanziario a un prezzo concordato, assicurandoti così di ricevere tale importo e non un importo inferiore in cambio dell'asset. Si tratta, dunque, di un meccanismo di protezione dal rischio di perdita di valore del bene.
  • Speculazioni: un'altra opzione di utilizzo è quella speculativa. L'investitore, ad esempio, può acquistare un future finanziario a tre mesi al prezzo x. Questo, attendendosi una tendenza al rialzo, che può essere confermata (rialzo) o meno (perdita). In questo modo puoi anche vendere il contratto prima della data di scadenza a un prezzo superiore a quello di acquisto e realizzare un profitto.
  • Arbitrato: acquistare il future finanziario in un mercato e venderlo in un altro, in un altro paese, dove il suo prezzo è più caro.

Nei contratti futures cosa sono i tick?

Prima dell'avvento della negoziazione elettronica, le azioni sulla borsa di New York erano scambiate di persona. Si trattava di un mondo molto diverso da quello attuale.
E una di queste differenze risiedeva nella capacità di oscillazione delle azioni. Ad oggi, le azioni oscillano anche di pochi centesimi. Al tempo, invece, i prezzi delle azioni si muovevano di 1/8 e 1/16 di frazioni di dollaro – rispettivamente 0,125 e 0,0625 dollari – per azione.

Si trattava fondamentalmente dell'importo minimo su cui un'azione poteva muoversi. E molti trader si guadagnavano da vivere attraverso tecniche di scalping su queste differenze di prezzo di queste azioni.

Adesso, questa differenza tra due punti di prezzo, il piccolo movimento di prezzo o il divario tra un prezzo di acquisto e quello di offerta, è noto come dimensione del tick. Nei mercati azionari, non è fondamentalmente più un problema rilevante. In quello dei futures, invece, svolge ancora un ruolo enorme: le dimensioni dei tick variano considerevolmente fra i diversi contratti. D'altra parte, il valore del tick di un contratto future si riferisce a quanto denaro viene perso o guadagnato per contratto e per movimento di tick.
I trader di futures possono calcolare rapidamente i loro potenziali guadagni o perdite moltiplicando il numero dei loro contratti per il valore di ciascun tick del bene scambiato. Ad esempio, se il valore di un tick per un certo contratto è di 12,5 euro e un trader compra 10 contratti, allora per ogni movimento di tick, il trader potrebbe guadagnare o perdere 125 euro. Considerando che la merce in questione può variare mediamente di circa 100 tick al giorno, questo significa che il trader potrebbe affrontare una perdita o un guadagno fino a 12.500 euro giornalieri. Questo sistema permette ai trader di avere un'idea chiara e immediata dell'impatto dei movimenti di mercato sui loro investimenti.

Si tratta, fra le altre cose, di un modo attraverso il quale il trader può calcolare le dimensioni dell'operazioni da assumere rispetto alla propria gamma di rischio.

Tipi di futures

Vediamo i diversi tipi di futures:

  • Futures su indici: come FTSE MIB, Dax 30, Cac 40, Ftse 100, Eurostoxx 50, Dow Jones, Nasdaq 100 o S&P 500. La liquidazione per differenza viene effettuata mensilmente, il terzo venerdì di ogni mese con un moltiplicatore di 10 euro per ogni punto dello stambecco 35 e 1 euro per ogni punto del mini stambecco 35.
  • Futures azionari: maturano trimestralmente, cioè il terzo venerdì di ogni trimestre, nel ciclo marzo-giugno-settembre-dicembre.
  • Interest rate futures: i futures sui tassi di interesse sono una sorta di copertura contro il rischio che potrebbe sorgere a causa delle fluttuazioni del tasso di interesse di uno strumento finanziario in una data futura. Tassi di interesse incerti possono creare un ulteriore onere di interessi per le aziende e comportare pesanti perdite. Di solito utilizziamo futures su tassi di interesse con strumenti del mercato monetario o del mercato obbligazionario come titoli di stato, cambiali, ecc. Ogni volta che c’è un aumento del tasso di interesse, i prezzi delle obbligazioni diminuiscono. Allo stesso modo, i prezzi delle obbligazioni aumentano con una diminuzione del tasso di interesse. Un investitore può vendere contratti futures sui tassi di interesse quando i tassi di interesse aumentano e il prezzo delle sue obbligazioni diminuisce. Possono quindi riacquistare le obbligazioni a un tasso inferiore dal mercato. Ciò aiuta a compensare alcune delle perdite che subiscono a causa del calo del prezzo delle obbligazioni
  • Futures sulle commodity: commercializzano un'ampia varietà di prodotti come grano, bestiame, semi, prodotti caseari, legname, oro o petrolio. Si tratta di prodotti esposti a fattori difficili da controllare, come il clima, le malattie e le decisioni politiche… dove molti fattori condizionano l'evoluzione della domanda e dell'offerta.
  • Futures su cambi valuta: in relazione a Eur/Usd, Eur/Gbp, Usd/Gbp, Eur/Jpy o Uud/Jpy. Una grande differenza rispetto ad altri mercati finanziari è che il mercato dei futures su valute è attivo 24 ore al giorno. Il regolamento in questo tipo di prodotto è per differenza, confrontando il tasso di cambio del giorno del regolamento con quello del contratto.

Mercati per la negoziazione di futures

I mercati dei futures hanno due funzioni comuni per tutti, indipendentemente dal tipo di prodotti che commerciano:

  • Sono rivelatori dei prezzi: attraverso i mercati dei futures è possibile scoprire i prezzi delle attività sottostanti molto prima che vengano regolati.
  • Servono a ridurre il rischio di prezzo: il rischio di prezzo può essere ridotto perché in un mercato c'è sempre qualcuno disposto ad assumersi il rischio che un altro vuole eliminare – la controparte.

 Inoltre, il Mercato dei Futures ha il compito di registrare, regolare e garantire le operazioni effettuate attraverso di esso con l'obiettivo principale di minimizzare il rischio di prezzo.

I futures finanziari sono negoziati sui principali mercati organizzati, come ad esempio

– A Chicago abbiamo il Chicago Board of Trade (CBOT), Chicago Mercantile Exchange (CME) e il Chicago Board Options Exchange (CBOE).

Londra sul London International Financial Futures Exchange (LIFFE).

– In Italia i futures sono contrattati nel mercato regolamentato IDEM (Italian Derivatives Market), mercato italiano dei derivati gestito da Borsa Italiana.

– In Germania e in Svizzera sulla borsa dell'euro (EUREX), si tratta di una fusione tra il mercato tedesco (DTB) e quello svizzero (SOFEX) dei derivati.

– In Francia, Paesi Bassi e Belgio su EURONEXT, una fusione tra i mercati dei derivati francesi (MATIF – MONEP), olandesi e belgi.

FAQ

Cosa si intende per future?

Un contratto future è un accordo standardizzato per acquistare o vendere una quantità specificata di una determinata merce, strumento finanziario, valuta o indice, a un prezzo predefinito in una data futura. Questi contratti vengono tipicamente scambiati in borse merci specializzate e sono utilizzati per la copertura dal rischio di prezzo o per scopi speculativi.

Cosa sono i futures in parole semplici?

Si tratta fondamentalmente di strumenti finanziari. Le due parti trovano un accordo per acquistare o vendere una determinata quantità di attività entro un certo termine. A seconda delle variazioni di prezzo del sottostante, ciascuna delle parti potrebbe perdere o acquisire denaro.

Come funzionano i futures? Esempio

Facciamo un esempio molto semplice: supponiamo che un investitore preveda un aumento del prezzo del petrolio. Acquista un contratto future sul petrolio a un prezzo fissato oggi, ma con consegna e pagamento in una data futura. Se il prezzo del petrolio aumenta come previsto, l'investitore può vendere il contratto a un prezzo più alto prima della scadenza, guadagnando sulla differenza. Se il prezzo scende, l'investitore subisce una perdita.

Quali sono i diversi tipi di futures?

I diversi tipi di futures includono futures su indici azionari, futures su azioni singole, futures su tassi d'interesse, futures su materie prime come oro, petrolio o prodotti agricoli, e futures su cambi valutari. Questi strumenti permettono di speculare o coprire rischi associati ai movimenti dei prezzi dei loro sottostanti.

Quali sono le caratteristiche dei contratti futures?

I contratti future sono strumenti finanziari negoziabili sul mercato con termini standardizzati, basati su un'attività sottostante come indici azionari o materie prime. Richiedono il deposito di garanzie per gestire il rischio di controparte e consentono agli investitori di assumere posizioni long (acquisto) o short (vendita allo scoperto) prima della scadenza del contratto.

Quali sono i principali mercati per la negoziazione dei futures?

I futures finanziari sono negoziati in importanti mercati organizzati mondiali, come quelli di Chicago (CBOT, CME, CBOE), Londra (LIFFE), Spagna (MEFF), Germania e Svizzera (EUREX), e in Francia, Paesi Bassi e Belgio (EURONEXT). Questi mercati rappresentano i centri principali per il commercio di derivati finanziari.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Guida del mercato Forex
  • Questo e-book ti aiuterà a scoprire ciò che devi sapere per iniziare a usare uno dei metodi più usati nei mercati finanziari:
  • Concetti di base
  • Tutto quello che devi sapere sull'Forex
  • Come iniziare a fare trading sul Forex

Articoli correlati

Migliori broker per negoziare i futures
Il mercato dei futures continua a essere uno dei più grandi mercati scambiati al mondo ogni anno. La creazione di contratti mini e micro ha dato accesso a questo mercato a molti trader che non avevano capitali sufficienti per operare con i futures...