Cos’è lo spread Bid-Ask e perché è importante?

Sicuramente ci sarà capitato di leggere “questo broker non applica commissioni”, ma come è possibile? Oggi lo scopriremo, ma prima dobbiamo imparare cosa sono il bid e il ask del mercato azionario, nonché l’intervallo di prezzo che formano, ovvero il famoso spread.

bid ask

Cos’è lo spread Bid-Ask e perché è importante? 

Prima di addentrarci nell’argomento, dobbiamo ricordare che il mercato azionario è un mercato come tutti gli altri, in cui per effettuare una transazione devono sempre esserci un venditore di un bene e un acquirente, e nessuno può comprare se prima non intende vendere.

Chiarita questa sfumatura, lo spread di prezzo è la differenza di prezzo tra il miglior ordine di acquisto e il miglior ordine di vendita nel mercato azionario. Può anche essere chiamato spread o differenziale di prezzo.

Dopo aver visto i diversi tipi di ordini nel mercato azionario, sappiamo che quando stiamo per acquistare un’attività o un prodotto nel mercato finanziario ci troviamo di fronte a due prezzi, il miglior prezzo di offerta e il miglior prezzo di vendita.

Pertanto, l’intervallo di prezzo è la differenza di prezzo che vediamo nei prezzi degli asset e dei prodotti quotati nelle diverse borse, come azioni, indici, derivati, ETF, ecc… In altre parole, quando andiamo a comprare o vendere un’attività o un prodotto, troviamo due prezzi. Un prezzo in cui gli investitori hanno piazzato ordini di vendita a un certo prezzo e un altro prezzo in cui gli investitori hanno piazzato ordini di acquisto a un certo prezzo.

Che cos’è il bid in Borsa?

Il prezzo di offerta (Bid): è l’offerta, cioè il prezzo più alto che un investitore è disposto a pagare, quindi è il miglior prezzo a cui possiamo vendere.

Che cos’è l’ask in borsa?

Il prezzo di domanda (Ask): in questo caso sarebbe esattamente il contrario. Stiamo parlando di domanda e si riferisce al prezzo più basso a cui gli investitori sono disposti a vendere. Pertanto, è il prezzo migliore a cui possiamo acquistare.

La formula dello spread

Quindi, se abbiamo detto che lo spread è il differenziale tra il miglior prezzo bid e il miglior prezzo ask, la formula dello spread sarà la seguente:

Spread = Prezzo di domanda – Prezzo di offerta

Tuttavia, in termini percentuali, che è il modo in cui i broker solitamente esprimono lo spread che applicano, sarebbe la seguente:

% Spread = (Prezzo richiesto – Prezzo offerto) / Prezzo richiesto

Ovviamente, l’offerta è sempre più bassa della richiesta, perché l’acquirente vuole farlo nelle migliori condizioni, e il venditore nelle proprie, cioè vendere più caro. Riassumiamo con un esempio.

Il prezzo bid della coppia di valute EUR/USD è 1,00576 e il prezzo ask è 1,00579. Lo spread è la differenza tra i due prezzi, pari a 0,00003 dollari. Si noti che se si desidera acquistare, si pagherà il prezzo di domanda e se si desidera vendere, si pagherà il prezzo di offerta.

Fattori che influenzano il bid-ask 

principali fattori che influenzano questo differenziale sono i seguenti. 

Liquidità 

Un titolo è più liquido di un altro nella misura in cui viene scambiato più denaro su base giornaliera. Più denaro significa più acquirenti e venditori che interagiscono sul mercato. Se il volume di scambi di un determinato titolo è maggiore, sarà più facile negoziare le azioni a un determinato prezzo e la sua variazione giornaliera sarà più stabile. Poiché è relativamente facile trovare acquirenti e venditori, il trading è agile e dinamico.

Al contrario, se un titolo scambia poche azioni nel corso della giornata, sarà difficile per un investitore trovare acquirenti e venditori, e se un ordine relativamente grande viene immesso nel mercato, sarà necessario trovare i pochi acquirenti o venditori. Questa scarsità di volumi farà sì che le oscillazioni di prezzo siano maggiori e che il differenziale di prezzo (spread) sia più ampio rispetto a una società con un volume di scambi o una liquidità maggiori.

Tuttavia, entrambi i termini, spread e liquidità, sono strettamente correlati ed è sempre interessante che lo spread sia piccolo, poiché è un segno inequivocabile di liquidità. È ovvio che se la liquidità è elevata, c’è maggiore movimento e facilità di acquisto e vendita.

Pertanto, quando si effettuano le operazioni, bisogna sempre assicurarsi che lo spread non abbia un margine troppo elevato, cosa che si può osservare nel trading di coppie di valute.

Volatilità 

La volatilità è sempre un fattore di rischio. Nel caso della relazione tra spread e volatilità, l’introduzione della volatilità nell’equazione implica sempre nervosismo e disagio. Ne consegue un tipo di trading più aggressivo e meno razionale. Di conseguenza, c’è una situazione che non ci interessa, ovvero che lo spread aumenti di dimensione. Abbiamo detto che uno spread è positivo quando è piccolo, perché è indice di elevata liquidità e, quindi, di facilità di trading.

Di conseguenza, quando la volatilità è elevata, dobbiamo sempre agire con cautela, calmando i nervi e, se necessario, aspettando che lo spread si riduca. La volatilità implica sempre un tipo di operazione molto più rischiosa e complessa che può portare a rapide perdite.

Infatti, in un mercato Forex intraday, se la volatilità è molto alta, la vostra redditività potrebbe essere ridotta, poiché anche lo spread sarebbe elevato.

Il trucco dello spread trading: cosa c’è dietro i broker che non applicano commissioni?

Non esiste la gratuità, soprattutto nel mercato azionario e nel mondo dei broker. Un broker applica sempre una commissione e se vi dice che non lo fa, è perché l’ha mascherata con lo spread. Si tratta di un vecchio trucco, che consiste nell’acquistare la domanda a un prezzo leggermente più alto e, se si vuole vendere, lo si deve fare a un prezzo più basso.

In altre parole, c’è una differenza tra lo spread di mercato reale e quello che vi offrono.

Questa differenza è un profitto per il broker, un vecchio trucco che funziona ancora. A dire il vero, non dovete nemmeno sentirvi derubati, perché il broker deve guadagnarsi da vivere e questo è un modo piuttosto semplice per farlo. Tenete presente che lo spread sarà sempre modificato dal broker per ottenere un profitto.

In altre parole, guardate lo spread in qualsiasi momento e quanto vi costa pagarlo. Basta sottrarre l’ask meno il bid e moltiplicare per il numero di azioni o contratti: questo è il costo per spread. Per calcolare il costo effettivo, aggiungete il valore ottenuto prima delle commissioni (se presenti).

In breve, lo spread è un valore soggetto a continue variazioni, anche se in genere non sono troppo elevate, tuttavia è sempre bene tenerne conto prima di iniziare a fare trading.

Spread Bid Ask e spread trading

Lo spread bid-ask e la strategia di spread trading, pur condividendo il termine “spread”, si riferiscono a concetti differenti nel contesto del trading, ma possono interagire in modo significativo durante l’esecuzione delle operazioni di mercato.

La strategia spread trading si riferisce all’atto di acquistare e vendere simultaneamente due strumenti finanziari correlati, con l’obiettivo di capitalizzare sulla variazione del differenziale di prezzo (o “spread”) tra questi. Lo spread trading può essere eseguito in vari modi, tra cui negoziazioni di futures, opzioni o coppie di azioni.

Le due dinamiche possono interagire nel senso che uno spread bid-ask più ampio può influenzare la fattibilità e la redditività di una strategia di spread trading. Un ampio spread bid-ask può erodere i guadagni potenziali derivanti dalla strategia di spread trading, soprattutto in mercati altamente liquidi e volatili, dove lo spread tende ad essere più ampio.

Pertanto, gli operatori che impiegano strategie di spread trading devono sempre tenere d’occhio lo spread bid-ask per assicurarsi che le condizioni di mercato siano propizie e che le loro strategie siano impostate in modo da mitigare possibili perdite associate a spread più ampi. Inoltre, la scelta di strumenti finanziari con spread bid-ask ristretti è spesso preferibile in una strategia di spread trading per mantenere i costi di transazione al minimo e potenziare la redditività delle operazioni.

Cerchi un broker per il trading?

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€100.00

Deposito minimo:

€0.00

FAQ 

Qual è la differenza tra Bid e Ask?

Il prezzo di offerta è il prezzo al quale l’investitore o il trader è disposto ad acquistare uno strumento finanziario, mentre il prezzo di vendita è il prezzo al quale il trader è disposto a vendere uno strumento finanziario. 
Ora che conosci lo spread Bid-Ask e la sua importanza nel mercato finanziario, dicci cosa ne pensi di questo spread.

Come calcolare il Bid Ask spread?

Quindi, se abbiamo detto che lo spread è il differenziale tra il miglior prezzo bid e il miglior prezzo ask, la formula dello spread sarà la seguente: Spread = Prezzo di domanda – Prezzo di offerta.

Cosa vuol dire Bid e Ask?

Il termine “Bid” si riferisce al prezzo massimo che un acquirente è disposto a pagare per acquistare un titolo o un bene finanziario. Al contrario, “Ask” (o Offer) indica il prezzo minimo a cui un venditore è disposto a vendere il suo titolo o bene. Questi due valori sono fondamentali nelle operazioni di mercato, poiché rappresentano la domanda e l’offerta correnti per un dato bene.

Come si calcola il Bid Ask spread?

Il Bid-Ask Spread è una misura della liquidità e del costo di transazione di un titolo. Si calcola sottraendo il prezzo Bid (il prezzo di acquisto più alto) dal prezzo Ask (il prezzo di vendita più basso). Formula: Spread = Ask – Bid. Uno spread più stretto indica una maggiore liquidità e minori costi di transazione.

Che differenza c’è tra Denaro e Lettera?

I termini “Denaro” e “Lettera” sono usati nel mercato per indicare rispettivamente il prezzo di acquisto (Bid) e il prezzo di vendita (Ask) di un titolo. “Denaro” rappresenta il prezzo più alto che gli acquirenti sono disposti a pagare per un titolo, mentre “Lettera” indica il prezzo più basso a cui i venditori sono disposti a cedere il loro titolo. Questi termini evidenziano la dinamica di domanda e offerta per un titolo sul mercato.

Cosa vuol dire denaro lettera in borsa?

Nell’ambito borsistico, “Denaro” e “Lettera” descrivono i migliori prezzi disponibili per comprare (Denaro) o vendere (Lettera) un titolo. La differenza tra questi due prezzi è nota come spread Denaro-Lettera, e la sua ampiezza può fornire indicazioni sulla liquidità del titolo e sui costi impliciti nell’effettuare una transazione. Un spread stretto suggerisce che il titolo è molto liquido e che le condizioni di mercato sono favorevoli, mentre uno spread ampio può indicare il contrario.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati