Cos’è il Dividend Yield e come funziona?

Cos’è il dividend yield e perché può essere un valore importante? Il dividend yield, noto anche come rendimento da dividendo, è un indicatore finanziario che misura il rapporto tra il dividendo per azione pagato da una società e il prezzo corrente dell'azione. Serve a valutare sia il rendimento immediato che l'attrattività di un'azione dal punto di vista degli investimenti.

dividend yield cos'è

Cos’è il dividend yield e a cosa serve: significato

Il dividend yield è un parametro finanziario cruciale per valutare il rendimento di un investimento in azioni. Inoltre, il dividend yield serve come misura del rendimento di un investimento in assenza di apprezzamenti del capitale, agendo come un barometro della solidità finanziaria di un'azienda. Questo aspetto è vitale per gli investitori intenzionati a costruire un portafoglio basato su azioni del Dividend Yield S&P 500 o di altri indici, in cui un flusso costante di dividendi rappresenta un elemento fondamentale della loro strategia di investimento.

Dividend yield basso o alto?

Quando si interpreta il dividend yield, un valore più basso può segnalare guadagni ridotti o una politica di distribuzione dei dividendi meno generosa. Al contrario, un dividend yield elevato può riflettere guadagni straordinari o una politica di distribuzione dei dividendi più favorevole. Effettuando un‘analisi comparativa del dividend yield di un'azienda rispetto a quello dei suoi concorrenti, si possono trarre preziose informazioni sulla sua posizione di redditività e sulla sua politica di distribuzione dei dividendi. 

Questo confronto risulta particolarmente illuminante nel caso di aziende con un dividend yield alto.

Come calcolare il dividend yield

Il calcolo del dividend yield si effettua con una divisione del dividendo annuo distribuito per azione dal prezzo attuale dell'azione, moltiplicando poi il risultato per 100 per trasformarlo in una percentuale. Questo processo fornisce agli investitori uno strumento per confrontare il reddito potenziale offerto da diversi titoli, valutando così l'attrattività di un'azione. Ad esempio, attraverso l'uso di una calcolatrice del dividend yield, è possibile determinare facilmente questo indicatore.

La relazione tra rischio e rendimento gioca un ruolo cruciale nella valutazione del dividend yield. Un valore elevato potrebbe indicare un rischio maggiore, suggerendo che alcune aziende potrebbero non essere in grado di mantenere i pagamenti dei dividendi a lungo termine a causa di difficoltà finanziarie. 

Questi elementi sottolineano l'importanza del dividend yield come strumento per valutare investimenti in azioni ad alto rendimento di dividendi. Tuttavia, per una valutazione olistica, è cruciale considerare anche altri aspetti, come l'andamento aziendale nel tempo e il profilo di rischio.

Formula del dividend yield

Per ottenere il dividend yield si utilizza la seguente formula: 

dividend yield calcolo

Questo risultato viene espresso in percentuale, permettendo di confrontare rapidamente differenti aziende, rappresentando un ritorno immediato per l'azionista.

Vantaggi e svantaggi del dividend yield

Tra i benefici, il dividend yield elevato si rivela attraente per gli investitori che cercano una consistente distribuzione dei profitti sotto forma di dividendi, potenzialmente migliorando il rendimento complessivo attraverso un reinvestimento dei dividendi e beneficiando dell'interesse composto. Inoltre, i dividendi possono essere un segnale della buona salute finanziaria di un'azienda e del suo potenziale di crescita, contribuendo positivamente alla valutazione delle sue azioni.

D'altro canto, il dividend yield presenta alcune limitazioni. Essendo un indicatore statico, non riflette le prospettive future o i rischi associati all'azienda. Non sempre è un riflesso fedele dei guadagni aziendali, poiché vari fattori possono influenzarne la rappresentatività. Inoltre, un dividend yield particolarmente alto può talvolta nascondere rischi finanziari maggiori, creando un'illusione di sicurezza che non corrisponde necessariamente a una solida stabilità o a una crescita sostenuta nel lungo termine. 

Infine, la variabilità del rendimento dei dividendi e la mancanza di garanzie sul loro pagamento pongono ulteriori considerazioni di rischio; le aziende possono infatti decidere di tagliare o sospendere la distribuzione dei dividendi in qualsiasi momento.

Valutare un buon dividend yield

Un dividend yield che si colloca tra il 2% e il 6% è generalmente considerato buono, ma è essenziale che gli investitori allineino questo parametro ai propri obiettivi e alla tolleranza al rischio. Ad esempio, i pensionati o gli investitori più conservativi potrebbero cercare rendimenti più elevati e sostenibili per generare un reddito, mentre gli investitori orientati alla crescita possono privilegiare l'apprezzamento del capitale piuttosto che i dividendi.

Altri indicatori finanziari come EPS, EBITDA, EBIT, MOL, ROE e ROI offrono una visione più ampia e completa dell'investimento. Si può valutare il prezzo di un’azienda anche attraverso il Dividend Discount Model.

Cosa influisce sul dividend yield?

Il dividend yield è influenzato da una combinazione di fattori legati sia alle condizioni di mercato esterne sia alle caratteristiche interne dell'azienda, per esempio il prezzo del titolo, l'andamento del settore, la crescita aziendale e i fondamentali dell'azienda.

Prezzo del titolo

Il prezzo corrente del titolo è uno dei fattori chiave che influenzano il dividend yield. Poiché il dividend yield è calcolato come il rapporto tra i dividendi per azione e il prezzo dell'azione, variazioni nel prezzo dell'azione possono portare a cambiamenti significativi nel yield. Se il prezzo dell'azione aumenta, il dividend yield tende a diminuire, a meno che l'azienda non aumenti proporzionalmente i suoi dividendi. Al contrario, se il prezzo dell'azione diminuisce, il dividend yield aumenta, assumendo che i dividendi rimangano costanti.

Andamento del settore

L'andamento generale del settore di appartenenza dell'azienda può avere un impatto significativo sul dividend yield. Settori in crescita o particolarmente stabili tendono a favorire politiche di distribuzione dei dividendi più generose, influenzando positivamente il dividend yield. D'altra parte, settori in crisi o soggetti a volatilità elevata possono portare le aziende a ridurre i dividendi o a rivedere le loro politiche di distribuzione, incidendo negativamente sul yield.

Crescita aziendale

La crescita aziendale è un altro fattore determinante per il dividend yield. Aziende in rapida crescita spesso reinvestono una quota significativa dei loro profitti nello sviluppo del business, limitando la quantità di dividendi distribuiti. Questo può portare a un dividend yield relativamente basso. Al contrario, aziende con una crescita più moderata o stabile possono permettersi di distribuire una quota maggiore dei loro profitti sotto forma di dividendi, risultando in un yield più elevato.

Fondamentali dell'azienda

Infine, i fondamentali dell'azienda giocano un ruolo cruciale nel determinare il dividend yield. Fattori come la solidità finanziaria, la redditività, il flusso di cassa e la politica di distribuzione dei dividendi influenzano direttamente la capacità dell'azienda di pagare dividendi e, di conseguenza, il suo dividend yield. Aziende con fondamentali solidi sono generalmente in grado di mantenere o aumentare i dividendi nel tempo, contribuendo a un yield sostenibile o in crescita.

Strategie di investimento basate sul dividend yield

Gli investitori che puntano a un reddito regolare possono prendere in considerazione i cosiddetti “Dividend Aristocrats, aziende note per aver aumentato costantemente i propri dividendi nel corso degli ultimi 25 anni, o i “Dividend Kings“, le aziende con dividendo in crescita per oltre 50 anni. Queste società rappresentano un'opzione attraente per gli investitori focalizzati sul reddito a lungo termine e che vogliono investire in dividendi

Tuttavia, è cruciale adottare un approccio equilibrato nell'investimento, considerando non solo il Dividend Yield ma anche l'integrità dei dividendi, i fondamentali aziendali e le tendenze di mercato. Per ottimizzare le strategie di investimento basate sul dividend yield, si possono considerare due approcci principali.

Approccio High yield

Orientato verso azioni che offrono un dividend yield elevato al momento dell'acquisto. Può comportare un rischio più elevato, poiché un dividend yield alto non sempre equivale a performance migliori o minori rischi.

Approccio High dividend growth

Si concentra su imprese di qualità con finanze stabili capaci di aumentare i dividendi costantemente nel tempo.

Queste aziende tendono ad avere una volatilità inferiore, un rendimento totale più alto nel lungo termine e sono meno propense a tagliare i dividendi. L'investimento in dividendi mira a creare un flusso regolare di reddito, incrementando il rendimento complessivo del portafoglio. Reinvestire i dividendi può aumentare significativamente i rendimenti grazie al potere della capitalizzazione composta. 

Per questo, è essenziale valutare la continuità dei pagamenti dei dividendi oltre al solo yield, e verificare periodicamente i dati finanziari dell'azienda, i rapporti trimestrali e le riunioni degli azionisti per assicurarsi che l'azienda sia redditizia e continuerà a pagare i dividendi. Algoritmi e modelli statistici possono essere utilizzati per supportare le decisioni di investimento, fornendo una base solida per la selezione di azioni con un alto Dividend Yield. 

Nella ricerca delle migliori azioni da dividendo, molti investitori si orientano verso il mercato azionario italiano, dove i dividendi Borsa Italiana rappresentano una fonte attraente di rendimento. In particolare, alcune aziende quotate sulla Borsa Italiana si distinguono per la generosità dei loro dividendi, rendendole opzioni privilegiate per chi cerca di massimizzare i ritorni attraverso i dividendi. Allo stesso tempo, gli ETF ad alto dividendo offrono un'alternativa interessante, consentendo agli investitori di diversificare il rischio attraverso un paniere di azioni dividend.

Analisi dei settori con i migliori dividend yield

L'analisi dei settori che offrono i migliori Dividend Yield richiede un approccio meticoloso, basato su una serie di parametri finanziari e di mercato che consentono di identificare quelle industrie capaci di garantire rendimenti via dividendi superiori nel lungo termine. In questo contesto, settori come quello delle:

  • utility,
  • immobiliare (REIT),
  • telecomunicazioni,

spiccano frequentemente per i loro elevati dividend yield, attribuibili alla natura stabile e prevedibile dei loro flussi di cassa e alla regolamentazione spesso favorevole. 

La valutazione di tali settori implica l'analisi di fattori quali la copertura del dividendo, espressa dal rapporto tra l'utile netto e i dividendi pagati, che offre un'indicazione sulla sostenibilità dei pagamenti futuri. In aggiunta, l'attenzione va posta sulla crescita degli utili, che dovrebbe idealmente superare l'inflazione, mantenendo così il potere d'acquisto dei dividendi nel tempo. In merito agli utili aziendali, leggi cos’è il Payout ratio.

Un'ulteriore dimensione di analisi è rappresentata dall'evoluzione del payout ratio, ovvero la percentuale dell'utile distribuita sotto forma di dividendi, che non dovrebbe essere eccessivamente alta da mettere a rischio gli investimenti futuri dell'azienda o la sua capacità di fronteggiare periodi economicamente sfavorevoli.

Infine, la valutazione dei dividend yield nei vari settori deve considerare anche il contesto macroeconomico, inclusi i tassi di interesse, che possono influenzare significativamente la valutazione degli asset e la capacità delle aziende di generare reddito e distribuire dividendi.

Dividend yield vs altri indicatori di rendimento

Per una valutazione completa della salute finanziaria e delle prospettive di rendimento di un'azienda, è importante considerare altri indicatori di rendimento.

Rapporto Prezzo/Utile (P/E)

Il Price Earning (P/E), o rapporto prezzo/utili, è un indicatore finanziario che misura il rapporto tra il prezzo di mercato di un'azione e l'utile per azione (EPS) di una società. Questo indicatore è ampiamente utilizzato dagli investitori per valutare se un'azione è valutata in modo appropriato rispetto ai suoi utili. Un P/E elevato può indicare che il mercato si aspetta una crescita elevata degli utili in futuro, mentre un P/E basso potrebbe suggerire che l'azione è sottovalutata o che la società sta affrontando delle difficoltà.

Un P/E elevato implica una valutazione più alta, spesso dovuta a aspettative di crescita ottimistiche.

Un P/E basso può indicare una valutazione inferiore, suggerendo una potenziale opportunità di acquisto.

Rapporto Prezzo/Valore Contabile (P/B)

Un P/B inferiore a 1 potrebbe indicare che il mercato valuta l'azienda meno dei suoi attivi netti. Le aziende con pochi attivi tangibili spesso hanno P/B superiori a 1.

Rapporto Prezzo/Ricavi (P/S)

Utile per valutare aziende più piccole e in rapida crescita o per confrontare la loro valutazione con aziende simili.Oltre a questi, ci sono rapporti finanziari che offrono una visione più profonda della salute finanziaria di un'azienda e delle sue potenziali performance:

Rapporto di Equità

Un rapporto di equità più alto implica un bilancio più sano, con meno necessità di finanziamenti tramite debito.

Rapporto Debito/Patrimonio (Debt-to-Equity)

Un rapporto Debt-to-Equity più basso indica un minor rischio finanziario.

Ritorno sul Capitale Proprio (ROE)

Un ROE più alto indica una maggiore efficienza nell'uso dei fondi degli azionisti per generare profitti.È importante notare che un Dividend Yield insolitamente elevato potrebbe essere il risultato di recenti cali del prezzo delle azioni o di pagamenti di dividendi una tantum, rendendo l'interpretazione più complessa. Pertanto, per una valutazione accurata dell'investimento, è essenziale considerare questi indicatori insieme al Dividend Yield, utilizzando strumenti come il calcolatore del Dividend Yield per integrare l'analisi.

Conclusioni sul dividend yield

Attraverso l'analisi del dividend yield, è possibile tracciare una linea diretta tra gli investimenti azionari e il loro potenziale reddito. La nostra disamina ha evidenziato come esso sia uno strumento prezioso per valutare la capacità di una società di generare valore per gli azionisti, seppur debba essere ponderato insieme ad altri dati finanziari. 

È chiaro che un Dividend Yield ottimale va oltre la semplice cifra percentuale e riflette la solidità e la prospettiva di crescita di un'impresa. Gli investitori, pertanto, traggono massimo beneficio dal considerare il Dividend Yield nell'ambito di una strategia più ampia che guardi ai fondamentali aziendali e al contesto di mercato. 

In definitiva, stabilire un equilibrio tra ricerca di rendite alte e sostenibili e valutazione del rischio associato è fondamentale per chiunque si avvicini all'investimento azionario con serietà e lungimiranza.

Cerchi un broker per dividendi?

Deposito minimo:

€1.00

Deposito minimo:

€0.00

Deposito minimo:

€0.00

FAQ

In che modo si calcola il rendimento dei dividendi?

Il rendimento dei dividendi, o dividend yield, si calcola dividendo i dividendi per azione per il prezzo per azione. Ad esempio, se un'azione costa €50 e la società distribuisce un dividendo di €1,50 per azione, il dividend yield sarà del 3%.

Cosa indica il dividend yield in un'azione?

Il dividend yield in un'azione rappresenta il rapporto tra l'ultimo dividendo annuo distribuito per azione e il prezzo attuale del titolo. È considerato un indicatore storico del rendimento dell'azione, ma può anche essere prospettico se si considera il dividendo che la società prevede di distribuire.

Quando si dovrebbero vendere le azioni per ricevere il dividendo?

Per avere diritto al dividendo, bisogna possedere le azioni alla chiusura del mercato il giorno precedente a quello dello stacco del dividendo. Se si vende l'azione dopo l'apertura del mercato nel giorno dello stacco, si ha comunque diritto a ricevere il dividendo.

Cosa accade al prezzo delle azioni dopo la distribuzione del dividendo?

Dopo la distribuzione del dividendo, il prezzo delle azioni tende a diminuire dell'ammontare del dividendo distribuito. Ad esempio, se un'azione è quotata a €10 e viene distribuito un dividendo di €0,50 per azione, il prezzo dell'azione all'apertura del mercato il giorno successivo sarà teoricamente ridotto a €9,50, escludendo altre influenze di mercato.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
II edizione: Rankia Markets Experience Milano 2024
  • Relatori d'elite: una selezione esclusiva dei più influenti trader e investitori del settore.
  • Trading Live e consigli pratici: strategie avanzate per migliorare il trading.
  • Networking di alto livello: crea connessioni significative, scambia idee e costruisci relazioni professionali durature.
  • Regali esclusivi: ogni partecipante riceverà regali unici, pensati per arricchire ulteriormente l'esperienza dell'evento.
  • Partecipazione gratuita: l'accesso all'evento è completamente gratuito.

Articoli correlati

Come comprare azioni Coca Cola: dividendi
Le azioni Coca Cola sono fra i titoli preferiti dagli investitori. E non è un caso. Coca Cola company è infatti la più grande multinazionale nel campo della produzione di bevande analcoliche, nonché garanzia di stabilità e crescita. In questo art...