Quali sono i principali indici mondiali?

Prima di analizzare in dettaglio gli indici delle principali borse del mondo, ricordiamo brevemente la definizione di indice azionario e le sue funzioni. Un indice azionario è un riferimento numerico (benchmark) che replica l’andamento di un gruppo di azioni accomunate da una caratteristica specifica (es titoli tecnologici, energetici, etc) oppure un intero mercato o un suo sottoinsieme, come ad esempio i titoli con capitalizzazione maggiore. In quest’ultimo caso la composizione dell’indice può cambiare nel tempo in base all’andamento delle azioni sottostanti. 

Analisti e investitori di tutto il mondo utilizzano gli indici per descrivere un mercato azionario e confrontare i rendimenti degli investimenti confrontando i prezzi attuali dei titoli con quelli passati e misurare le variazioni di valore nel tempo. 

indici mondiali

Cosa sono gli indici di Borsa?

Un indice azionario è un insieme di titoli con caratteristiche prestabilite e condivise, spesso utilizzato come proxy della performance di un gruppo più ampio di società o titoli con caratteristiche simili. Il creatore dell’ indice sceglie le caratteristiche e i titoli da includere, con modifiche alle partecipazioni relativamente poco frequenti, ma mano che le caratteristiche che determinano l’inclusione si modificano nel tempo.

I criteri di inclusione degli indici azionari possono spaziare da caratteristiche quantitative oggettive come la capitalizzazione di mercato o la classificazione GICS a criteri più soggettivi come l’esposizione di una società a opportunità commerciali come l’automazione e la robotica. Gli indici azionari sono tipicamente trasparenti e investibili, ossia includono azioni quotate in borsa e rendono note le partecipazioni e i criteri di selezione.

Gli indici azionari intendono offrire agli investitori un modo più pratico per valutare e monitorare la performance del mercato azionario in generale e/o di segmenti specifici del mercato. Gli indici sono tipicamente utilizzati dagli investitori come proxy e benchmark. Ad esempio, è comune confrontare la performance dei portafogli azionari che detengono principalmente azioni statunitensi con l’indice S&P 500. Allo stesso modo, il Dow Jones Industrial Average (o Dow Jones), l’S&P 500 e il NASDAQ sono considerati collettivamente come riflessi dello stato di salute dell’intero mercato azionario statunitense (e dell’economia, in una certa misura), mentre indici più ristretti come il Dow Jones Transportation o l’indice S&P Banks sono considerati come proxy dei rispettivi settori.

Composizione degli indici di Borsa

Gli indici possono essere classificati in base al metodo di ponderazione utilizzato per calcolare il loro valore. Ecco una spiegazione dettagliata di questi tre tipi principali:

  1. Indici value weighted (ponderati per capitalizzazione di mercato): in questi indici, il peso di ciascuna società è proporzionale alla sua capitalizzazione di mercato. Ciò significa che le aziende con una maggiore capitalizzazione di mercato avranno un impatto maggiore sull’indice rispetto a quelle con una capitalizzazione minore. Questo approccio è utilizzato da molti degli indici più noti, come il S&P 500 e il NASDAQ Composite. La logica dietro questa ponderazione è che le aziende più grandi hanno un maggiore impatto sull’economia e sui mercati finanziari.
  2. Indici price weighted (ponderati per prezzo): in questi indici, il peso di ciascuna società è determinato dal prezzo delle sue azioni, indipendentemente dalla capitalizzazione di mercato. Ciò significa che le aziende con un prezzo per azione più alto avranno un maggiore peso sull’indice. Un esempio famoso di indice ponderato per prezzo è il Dow Jones Industrial Average (DJIA). Questo metodo può portare a una rappresentazione distorta del mercato, poiché aziende con prezzi per azione elevati possono avere un impatto sproporzionato sull’indice, indipendentemente dalla loro dimensione economica reale.
  3. Indici equally weighted (ponderati ugualmente): questi indici assegnano lo stesso peso a tutte le società incluse, indipendentemente dalla loro capitalizzazione di mercato o dal prezzo delle azioni. Ciò significa che il rendimento di ciascuna azienda ha lo stesso impatto sul valore totale dell’indice. Questo approccio è spesso utilizzato per enfatizzare l’importanza di ciascuna società all’interno dell’indice, indipendentemente dalle sue dimensioni. Gli indici ponderati ugualmente possono offrire una maggiore esposizione a società di medie e piccole dimensioni rispetto agli indici ponderati per capitalizzazione di mercato.

Ogni metodo di ponderazione ha i suoi vantaggi e svantaggi e può influenzare in modo significativo il comportamento dell’indice. La scelta del metodo di ponderazione dipende dagli obiettivi dell’indice e dalla filosofia di investimento sottostante.

Qual è l’importanza di un indice di borsa?

Gli indici sono utilizzati in tutti i mercati globali da professionisti della finanza, istituzioni e privati per i seguenti scopi:

  • Gli indici del mercato azionario sono i parametri più significativi e ampiamente studiati nel mercato finanziario. 
  • Gli investitori e i trader utilizzano gli indici del mercato azionario per analizzare il mercato e gestire il ribilanciamento dei propri portafogli di investimento. 
  • Le istituzioni finanziarie utilizzano gli indici del mercato azionario per gestire il portafoglio di investimenti dei clienti e per confrontare le performance sulla base degli indici. 
  • Gli indici azionari indicano l’umore e il sentiment del mercato in un determinato momento. Gli investitori possono capire l’andamento del mercato osservando gli indici e piazzare acquisti e vendite redditizi. 
  • L’indice azionario aiuta a identificare i titoli redditizi e indica l’andamento di questi ultimi rispetto ai loro omologhi. 
  • Oltre alle azioni, gli indici del mercato azionario mostrano la tendenza prevalente nei diversi settori
  • Gli investitori possono effettuare investimenti passivi analizzando gli indici azionari e scegliendo fondi indicizzati che imitano semplicemente la performance di un indice.

Quali sono i principali indici di Borsa mondiali?

Di seguito, presentiamo quelli che consideriamo gli indici delle borse mondiali più importanti. Prima di vederli nel dettaglio analizziamoli per zone: gli indici utilizzati a Wall Street e gli indici delle Borse europee.

Indici azionari mondiali: Wall Street

  • S&P 500
  • Nasdaq
  • Dow Jones
  • Russell 2000

Se vuoi investire in indici degli Stati Uniti, ti interesserà sapere quali sono i giorni di chiusura della borsa americana.

Indici azionari europei

  • Eurostoxx 50 (Principali 50 imprese europee)
  • FSTE MIB (Italia)
  • IBEX 35 (Spagna)
  • FTSE 100 (UK)
  • DAX 40 (Germania)
  • CAC 40 (Francia)
  • AEX (Olanda)

Indici azionari asiatici

  • Cina A50 (Cina)
  • Nikkei (Giappone)
  • Hang seng (Hong Kong)
  • Kospi (Corea del Sud)

A proposito di questi, qui ti lasciamo una lista di consigli per investire nei mercati finanziari asiatici.

Indici di Borsa mondiali: S&P 500

L’indice S&P 500, o Standard & Poor’s 500 Index, è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato delle 500 principali società quotate in borsa negli Stati Uniti. Non si tratta di un elenco esatto delle prime 500 società statunitensi per capitalizzazione di mercato, perché l’indice include altri criteri. Tuttavia, l’indice S&P 500 è considerato uno dei migliori indicatori della performance delle principali azioni americane e, per estensione, del mercato azionario nel suo complesso.

L’indice S&P 500 è uno degli indici più utilizzati per il mercato azionario statunitense. Queste 500 società rappresentano le aziende più grandi e più liquide degli Stati Uniti, dalle società di tecnologia e software alle banche e ai produttori. Sebbene l’indice sia stato creato da una società privata, l’S&P 500 è oggi un popolare metro di paragone per la performance dell’economia di mercato complessiva.

Le 500 società che compongono l’indice rappresentano le aziende più grandi e più liquide degli Stati Uniti, dalle società di tecnologia e software alle banche e ai produttori. Sebbene l’indice sia stato creato da una società privata, l’S&P 500 è oggi un popolare metro di paragone per la performance dell’economia di mercato complessiva.

👉🏼 Migliori azioni S&P 500.

Il Nasdaq tra gli indici mondiali

Il Nasdaq Composite Index è un indice ponderato per la capitalizzazione di mercato di oltre 3.700 titoli quotati alla borsa valori Nasdaq. Essendo un indice ampio e fortemente ponderato per l’importante settore tecnologico, il Nasdaq Composite Index è diventato un punto di riferimento in  tutti i report sui mercati finanziari.

L’indice Nasdaq Composite comprende tutti i titoli azionari quotati sul mercato azionario Nasdaq, comprese le azioni ordinarie, le azioni ordinarie, le ricevute di deposito americane (ADR), le quote di fondi di investimento immobiliare (REIT) e le società di persone quotate in borsa, nonché i titoli di monitoraggio.

Il Nasdaq Composite include i titoli di società con sede all’estero, a differenza dell’indice S&P 500 e del Dow Jones Industrial Average, gli altri due benchmark di mercato più frequentemente citati.

👉🏼 Migliori azioni Nasdaq.

Dow Jones

Dow Jones, o più precisamente Dow Jones & Company, è una delle più grandi società di notizie economiche e finanziarie del mondo. Charles Dow, Edward Jones e Charles Bergstresser fondarono la società nel XIX secolo. Oltre al famoso Dow Jones Industrial Average, la società ha creato anche altri indici.

Tra i diversi indici borsistici Dow Jones ci sono 4 indici principali:

  1. Dow Jones Industrial Average ( DJIA ): è il più importante di tutti e riflette l’andamento del titolo delle 30 più importanti e rappresentative aziende industriali degli Stati Uniti.
  2. Dow Jones Utility Average ( DJUA): che contiene i titoli delle 15 maggiori società in mercati come quello del gas o dell’elettricità.
  3. Dow Jones Transportation Average ( DJTA): che comprende le 20 maggiori società di trasporto e distribuzione
  4. Dow Jones Composite Average ( DJCA) : è l’indice che misura la performance delle azioni di 65 società nei tre indici precedenti . Le società che compongono la Dow Jones Composite Average possono variare in base a determinati criteri, ma la maggior parte di esse sono società a grande capitalizzazione.

👉🏼 Migliori azioni Dow Jones.

Russell 2000

L’indice Russell è articolato in diversi indici componenti, tra cui spiccano il Russell 1000, il Russell 2000 e il Russell 3000. Il Russell 1000 monitora le prime 1.000 imprese in termini di capitalizzazione di mercato, mentre il Russell 2000 tiene traccia delle successive 2.000 aziende. Infine, il Russell 3000 include tutte le società seguite dai due indici precedenti.

Eurostoxx 50

L’indice EURO STOXX 50 è un indice azionario ponderato per la capitalizzazione di mercato di 50 grandi società europee blue-chip operanti nei Paesi dell’eurozona. I componenti sono selezionati dall’indice EURO STOXX, che comprende azioni a grande, media e piccola capitalizzazione della zona euro.

L’indice EURO STOXX 50 comprende i 50 titoli azionari più importanti della zona euro, scelti automaticamente dall’indice EURO STOXX in base alla capitalizzazione di mercato.

 Per l’inclusione nell’indice EURO STOXX, le società devono essere un paese membro dell’eurozona.

L’indice EURO STOXX comprende società di tutti i livelli di capitalizzazione di mercato di Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi e Spagna.L’indice EURO STOXX 50 rappresenta di norma circa il 60% dell’indice EURO STOXX. L’indice EURO STOXX 50 viene rivisto ogni anno a settembre per verificare eventuali variazioni dei componenti dell’indice.

👉🏼 Migliori azioni dell’area euro.

FTSE MIB

L’indice Financial Times Stock Exchange Milano Indice di Borsa (FTSE MIB) è l’indice più significativo della Borsa italiana. L’Indice rappresenta i 40 titoli più scambiati in Borsa, costituiti dalle principali società dei settori ICB (Industry Classification Benchmark) in Italia. L’Indice è stato elaborato a partire dai titoli negoziati sul mercato azionario principale di Borsa Italiana.

I due fattori principali che influenzano i prezzi delle azioni sono la performance delle società che le hanno emesse e l’ambiente. Quando le condizioni geopolitiche, come il clima, la stabilità regionale e le condizioni delle risorse naturali sono tranquille, tendiamo ad assistere a un aumento del valore del FTSE MIB 40. Quando invece le tensioni su questi temi sono elevate, tendiamo ad assistere a tendenze al ribasso.

Qui trovi il calendario di Borsa italiana.

Quali sono i principali indici di Borsa italiana?

I principali indici di borsa italiana sono:

  • FTSE MIB – L’Indice FTSE MIB misura la performance di 40 titoli italiani e ha l’intento di riprodurre le ponderazioni del settore allargato del mercato azionario italiano. E’ il principale benchmark dei mercati azionari italiani e coglie circa l’80% della capitalizzazione di mercato interna.
  • FTSE Italia Mid Cap – Questo indice è composto dalle prime 60 azioni nella classifica per la capitalizzazione delle società, al di fuori dell’Indice FTSE MIB 
  • FTSE Italia Small Cap – L’indice cattura la prestazione di tutte le altre piccole azioni, al di fuori dell’indice FTSE MIB e di quello FTSE Italia Mid Cap. Non include le società straniere e 
  • FTSE Italia All-Share – L’indice comprende tutti gli elementi costituenti degli indici FTSE MIB, FTSE Italia Mid Cap ed FTSE Italia Small Cap.

👉🏼 Migliori azioni del FTSE MIB.

FTSE 100

Il FTSE 100 è l’indice mercati finanziari della Borsa di Londra. È composto dalle 100 maggiori società a capitalizzazione di mercato del Regno Unito ed è un indicatore della performance finanziaria delle società regolate dal diritto societario britannico. È l’acronimo di Financial Times Stock Exchange 100 ed è di fatto controllato dalla rivista Financial Times.

L’indice è gestito dal FTSE Group, una filiale del London Stock Exchange (LSE) Group. La capitalizzazione delle società che compongono l’indice rappresenta il 70% del valore totale del mercato azionario di Londra. 

L’indice FTSE 100 è stato lanciato il 3 gennaio 1984. Nei suoi primi 15 anni di vita è aumentato quasi continuamente di 1.000 punti rispetto al valore iniziale, raggiungendo il massimo storico di 6.950,6 il 30 dicembre 1999.

DAX 40

Il DAX 40 raggruppa le 40 società a maggiore capitalizzazione della Borsa di Francoforte (fino al settembre 2021 si parlava di DAX 30 perché erano solo 30 le società quotate). Tra i titoli a maggiore capitalizzazione ci sono LindeSiemensVolkswagen Deutsche Telekom.

CAC 40

Il CAC 40 (Cotation Assistée en Continu) comprende 40 titoli azionari della Borsa di Parigi. Il valore massimo intraday dell’indice CAC 40 è stato raggiunto il 4 settembre 2000 a 6944,77 punti. È un indice basato sul flottante, ovvero prendendo come base la parte del capitale sociale effettivamente in circolazione su questo mercato.

Nikkei

Il Nikkei è l’indice azionario più popolare del mercato giapponese, composto dalle 225 aziende più grandi quotate alla Borsa di Tokyo. Queste aziende sono state selezionate sin dal 1971. È calcolato dal Nihon Keizai Shinbun (Japanese Business Daily), dalle cui iniziali l’indice deriva il suo nome. Uno dei dettagli che troviamo con l’indice Nikkei è che è il mercato azionario con il trend negativo più lungo della storia, essendo il massimo storico raggiunto nel 29 dicembre 1989.

I valori dell’indice Nikkei sono ponderati in base al prezzo piuttosto che in base alla capitalizzazione, anche se questo calcolo si differenzia da una semplice media perché il divisore è corretto.

La quota maggiore dell’indice Nikkei è detenuta da 66 società industriali, 50 società di consumo cicliche e 24 società finanziarie. I componenti dell’indice sono rivisti annualmente per riflettere i cambiamenti dell’ambiente di mercato. I cambiamenti nella composizione dell’indice sono fatti ad ottobre, anche se eccezionalmente possono avvenire in una data diversa.

Infine, si dettagliano alcune delle aziende che sono incluse nell’indice e sono le seguenti: Toyota Motor, Yamaha, Toshiba, Suzuki Motor, Sony, Pioneer, Nissan Motor, Kanebo, Japan Tobacco, Bridgestone e Konica. Questi titoli sono caratterizzati da un’alta liquidità. Ha raggiunto un massimo di 38.957,44 il 29 dicembre 1989.

IBEX 35

L‘IBEX 35 è l’indice azionario di riferimento del mercato azionario spagnolo. È compilato dalla società BME con l’obiettivo di osservare la redditività delle azioni spagnole. Mostra lo stato del mercato azionario ed è un buon indicatore dello stato dell’economia spagnola.

Hang Seng

L’indice Hang Seng 50 è un indice di Borsa che comprende le 50 maggiori società quotate alla borsa di Hong Kong. L’Hang Seng ha una capitalizzazione di mercato di circa 1,3 miliardi di dollari USA ed è uno degli otto principali indici mondiali di borsa.

L’indice Hang Seng è stato istituito nel 1969 ed è gestito dalla Hang Seng Bank, una delle maggiori banche di Hong Kong, che gestisce gli indici e i dati economici dei mercati di Hong Kong.

Le società che compongono questo indice rappresentano da sole oltre il 60% della capitalizzazione totale del mercato di Hong Kong. In effetti, dall’adesione di Hong Kong alla Cina, molte delle principali società cinesi sono state quotate nell’indice, segno della forza economica di queste società in particolare e della Cina in generale.

Shanghai Composite

L’SSE Index Composite di Shangai è uno dei principali indici mondiali e il più importante indice del mercato azionario della Cina continentale, che misura il valore dei titoli più rappresentativi del Paese per capitalizzazione di mercato (oltre 1.500 società cinesi).

A differenza della Borsa di Hong Kong, la Borsa di Shanghai non è ancora completamente aperta agli investitori stranieri a causa dello stretto controllo esercitato dalle autorità cinesi. 

Altri indici mondiali

borse mondiali
Fonte: Wikipedia

Come investire o fare trading sugli indici

I principali strumenti per investire sugli indici sono gli ETF, mentre per fare trading sugli indici si prediligono futures, opzioni e CFD.

Migliori broker per investire o fare trading sugli indici

BrokerStrumenti
DEGIROETF o futuresScopri di più →
XTBCFDScopri di più →
eToroETF o CFDScopri di più*

FAQ

Quali sono gli indici più importanti?

Gli indici del mercato azionario globale includono titoli azionari quotati in tutto il mondo. Ad esempio, l’indice MSCI World tiene traccia delle azioni a grande e media capitalizzazione di 23 Paesi sviluppati, coprendo circa l’85% della capitalizzazione di mercato corretta per il flottante di ciascun Paese.
Oltre all’MSCI, alcuni dei più popolari indici del mercato azionario globale includono:
– Indice FTSE All-World
– Indice S&P Global 100
– Indice S&P Global 1200
– Dow Jones Global Titans 50
Gli indici dei mercati azionari regionali tengono traccia delle azioni di specifiche regioni del mondo. Ad esempio, questi indici possono riguardare azioni asiatiche, europee o dell’America Latina. Aiutano gli investitori e gli analisti a confrontare la performance di specifici Paesi con quella di una regione generale, per evidenziare quali attività stanno sovra e sottoperformando. I fondi legati a questi indici possono anche essere utili per costruire un’esposizione a specifiche regioni del mondo.
Di seguito sono elencati alcuni dei più popolari indici regionali del mercato azionario.
Asia
Indice S&P Asia 50
Indice Dow Jones Asian Titans 50
Indice FTSE ASEAN 40
Europa
Indice Euro STOXX 50
Indice FTSE Euro 100
Indice S&P Europe 350
America Latina
Indice S&P Latin America 40

Quali sono le Borse più importanti al mondo?

Le più grandi Borse del mondo per capitalizzazione sono:
– Borsa di New York (New York Stock Exchange)
– NASDAQ
– Borsa di Tokyo (Tokyo Stock Exchange)
– Borsa di Shanghai (Shanghai Stock Exchange)
– Borsa di Hong Kong (Hong Kong Stock Exchange)
– Borsa di Londra (London Stock Exchange)
– Euronext
– Borsa di Shenzhen (Shenzhen Stock Exchange)
– Borsa di Toronto (Toronto Stock Exchange)
– Borsa di Francoforte

Quali sono gli indici europei?

I principali indici europei sono:
– FTSE MIB (Italia)
– DAX 30(ora DAX 40, Germania)
– CAC 40 (Francia)
– IBEX 35 (Spagna)
– FTSE 100 (Regno Unito)

Disclaimer:

eToro è una piattaforma multi-asset che offre sia l'investimento in azioni e criptoasset, sia il trading di CFD. Si noti che i CFD sono strumenti complessi e comportano un rischio elevato di perdere rapidamente denaro a causa della leva finanziaria. Il 76% dei conti degli investitori al dettaglio perde denaro quando fa trading di CFD con questo fornitore. Dovreste valutare se avete compreso il funzionamento dei CFD e se potete permettervi di correre il rischio elevato di perdere il vostro denaro. Le performance passate non sono un'indicazione dei risultati futuri. La storia di trading presentata è inferiore a 5 anni completi e potrebbe non essere sufficiente come base per una decisione di investimento. Il Copy Trading non costituisce una consulenza sugli investimenti. Il valore dei vostri investimenti può salire o scendere. Il vostro capitale è a rischio. Gli investimenti in criptoasset sono altamente volatili e non regolamentati in alcuni Paesi dell'UE. Nessuna tutela dei consumatori. Possono essere applicate imposte sui profitti. eToro USA LLC non offre CFD e non rilascia alcuna dichiarazione e non si assume alcuna responsabilità in merito all'accuratezza o alla completezza del contenuto di questa pubblicazione, che è stata preparata dal nostro partner utilizzando informazioni specifiche su eToro non disponibili pubblicamente.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati

Come investire in indici di borsa?
Investire in indici di borsa è una strategia popolare tra gli investitori di tutto il mondo. Gli indici offrono una panoramica della performance di un mercato specifico e rappresentano una scelta più sicura per chi desidera diversificare il propri...