7 consigli per selezionare un broker | Rankia: Comunità finanziaria

7 consigli per selezionare un broker

La scelta del broker è un processo che non deve essere preso sottogamba, in quanto anche guadagnando milioni potresti persino ritrovarti ad aver perso tutto, o ancora potresti ritrovarti con i soldi da investire vincolati con un broker col quale non riesci ad operare in tempo o a dovere. Vediamo insieme 7 consigli per selezionare un broker per i propri investimenti.

7 consigli per selezionare un broker

Sono molti i fattori da tenere in considerazione nel momento in cui si seleziona un broker, e si tratta di una scelta assolutamente da non sottovalutare. Nel momento in cui scegli un broker, gli stai affidando i tuoi soldi ed una cattiva scelta potrebbe sfociare in truffe o in fattori quale il non aver davvero effettuato l’operazione da te richiesta, ma averla solamente simulata.

La fiducia è fondamentale per poter investire con calma, e oltre a broker di fama internazionale come Degiro ed EToro, che conosciamo e consigliamo, ce ne sono altri che vanno analizzati per stabilire se sono affidabili o meno.

Ecco 7 consigli per selezionare un broker.

1 – Controllare se il broker è regolamentato

Si tratta sicuramente della prima cosa da controllare. Le regolamentazioni cui sono sottoposti i broker li forzano a dover avere un atteggiamento positivo e soprattutto a dover garantire sicurezza e affidabilità ai propri clienti. Accettare di affidarsi ad un broker senza regolamentazione vuol dire accettare il rischio di essere truffati.

2 – Cercare informazioni riguardo l’assistenza clienti

Seppur si speri di non avere mai problemi, solitamente ci si ritrova con la necessità di contattare l’assistenza clienti. Che sia per problemi col sistema o per errori che hai effettuato, è raro che non si necessario contattare l’assistenza clienti, e in alcuni casi l’impossibilità di contattarla potrebbe creare grandissimi problemi.

Un esempio? “Assistenza clienti con risposta entro 24h nei giorni feriali”, hai investito €100.000 in azioni di una stessa società e venerdì 9 luglio 2021 ti ritrovi in viaggio col valore delle azioni salito alle stelle, vendendo adesso intascheresti quasi 1 milione. Tenti di accedere dal cellulare ma non avevi memorizzato la password e non la ricordi, tenti di recuperarla via e-mail ma scopri di non avere accesso a quell’e-mail dal tuo dispositivo. Ti ritrovi in una situazione disastrosa a causa tua, ma normalmente basterebbe chiamare l’assistenza clienti o chattare per verificare la tua identità, magari tramite numero di cellulare. Purtroppo il tuo vero errore è stato la scelta del broker, devi aspettare lunedì 12 luglio per avere una risposta. Il 12 luglio hai finalmente accesso al tuo account, ma non vendi, i €100.000 di azioni che hai acquistato, al momento, hanno un valore complessivo di €50.000.

3 – Accertarsi del funzionamento multipiattaforma del broker

Stesso esempio di prima, necessità di vendere (o magari acquistare) senza un PC a disposizione. Se il broker sfrutta una piattaforma non funzionante (o mal funzionante) su dispositivi mobili, stai perdendo molti affari.

4 – Controllare le recensioni (approfonditamente)

Molte persone si limitano a cercare informazioni in maniera superficiale, e questo è un lusso che non ci si può permettere nella scelta di un broker. Anche avendo trovato informazioni più o meno ufficiali che attestano la presenza di funzionalità cui si è interessati, devi comunque andare a controllare molte recensioni da diversi siti.

Un controllo leggero non è ammissibile, anche perché sono molti i broker a comprare recensioni e molti a comprare recensioni negative per i propri competitor.

5 – Controllare le funzionalità messe a disposizione

Meno importante, ma ovviamente fondamentale, è la presenza di funzionalità cui si è interessati. Ad esempio in molti decidono di fare copy-trading, perché si è alle prime armi o poiché si necessita del supporto di trader esperti, ma si tratta di una funzionalità che non tutti implementano. Molto apprezzata, ad esempio, è la funzionalità di copy-trading semplice ed intuitiva di eToro.

6 – Costi e commissioni

Bisogna fare molta attenzione ai costi, in quanto seppur possano sembrare una piccola percentuale, potrebbero rivelarsi “fatali”. Un esempio è nuovamente eToro. La piattaforma è comodissima e ha prezzi bassissimi, al tempo stesso, però, è anche vero che seppur permetta di operare già da $200, difficilmente l’investimento sarà conveniente. Ciò avviene per via di piccoli costi di eToro, tra i quali il costo di prelievo, e del 26% del profitto che lo stato italiano gentilmente si mangerà, ad esempio, acquistando azioni. Ciò vuol dire che nel caso in cui si decidesse di prelevare tutti i propri soldi dopo aver guadagnato il 10% del capitale iniziale, non si avrebbero $220 ma se ne riceverebbero circa $208.

Ciò vuol dire che bisogna fare attenzione anche tenendo in considerazione broker tra i migliori quali Degiro ed eToro, in quanto, come abbiamo appena visto, seppur quest’ultimo ad esempio abbia pochissimi costi e permetta di investire anche con un piccolissimo capitale, non rappresenta comunque un buon broker per investire una piccola cifra e ritirare dopo un minimo di successi. Ovviamente il problema non si pone volendo continuare a reinvestire i propri soldi per mesi o anni, o investendo una quantità maggiore di soldi.

7 – Grafica della piattaforma

Per quanto assurdo possa sembrare, è importante trovarsi bene con l’aspetto grafico della piattaforma. Ovviamente non per quanto riguarda la bellezza estetica, ma per quanto riguarda l’essere in grado di sfruttare la piattaforma nella maniera più rapida ed efficiente possibile, senza mai confondersi sul quale funzionalità si trova dove.

Conclusione

Sono molti i fattori da tenere in considerazione per la scelta di un broker, vari e tra i più disparati. Ti abbiamo dato 7 consigli che potrebbero tornarti parecchio utili, ti ricordiamo comunque un ultima volta che la scelta del broker non è qualcosa da sottovalutare.

Lascia un commento

Sii il primo a commentare!
Commento

Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy