Come investire in materie prime

Quando si tratta di scegliere tra il catalogo degli asset del mercato azionario, l'investimento in materie prime è una delle possibilità a nostra disposizione. In questo articolo vogliamo spiegarvi come potete investire in modo sicuro nelle materie prime, le ragioni per cui dovreste farlo e quali sono i rischi associati.

investire in materie prime 2021

Perché investire in materie prime nel 2022

Una commodity è un prodotto non trasformato che deve essere omogeneizzato prima di essere introdotto nei mercati. Il risultato è una materia prima particolare. Prendiamo ad esempio l'acciaio, che può essere acquistato allo stesso prezzo in tutto il mondo.

Investire in materie prime significa investire in un mercato complesso, poiché non si tratta certo di investimenti sicuri. Nel caso tipico dell'oro, considerato un bene rifugio, il suo valore finisce sempre per apprezzarsi, ma forse non quando è nel nostro interesse.

Le materie prime non sono quindi un tipo di investimento adatto a tutti. Soprattutto per chi vuole risultati praticamente immediati. Sfruttare i momenti ciclici di prezzi bassi per ottenere un profitto futuro dovrebbe essere il motivo che vi spinge a investire in materie prime.

Il motivo principale per cui un investitore può decidere di diversificare il proprio portafoglio introducendo le materie prime è che ha sufficienti elementi fondamentali per pensare che saliranno, sia a causa del ciclo economico, sia per aspetti fondamentali o conflitti geopolitici, come è stato (quest'ultimo) il caso dell'investimento nel petrolio.

Rischi di investire in materie prime

Mancanza di conoscenza

Siamo noi investitori a determinare il rischio che intendiamo correre quando investiamo in materie prime. In questo caso, il rischio principale che si assume è comune ad altri tipi di titoli, ovvero la mancanza di conoscenza degli stessi. Non è necessario essere un esperto per investire in materie prime, ma è necessario sapere cosa si ha tra le mani e quale potrebbe essere la loro evoluzione futura.

In effetti, in molte occasioni, l'investimento in materie prime avviene attraverso i futures (che vedremo più avanti), attività certamente complesse. Qui trovi un articolo che analizza migliori indicatori le materie prime.

Volatilità

Tuttavia, a parte il fattore della mancanza di conoscenza, il rischio principale dell'investimento in materie prime è che questi prodotti sono altamente volatili.

Basta un solo cambiamento geopolitico, e i fatti dimostrano che possono avvenire rapidamente, perché si verifichi un movimento che coglie di sorpresa l'investitore che non sa come agire in tempo.

Attività speculative

D'altra parte, sono prodotti altamente speculativi e, per gli investitori a breve termine, sono uno strumento per ottenere molti profitti in breve tempo, grazie alla leva finanziaria.

Di conseguenza, questo fatto potrebbe comportare rischi elevati per l'investitore medio che non ha il tempo e le conoscenze per entrare in un mercato complesso.

Quali materie prime sono negoziate in Borsa?

Il mercato azionario offre una buona varietà di materie prime da negoziare. Prima di immergervi in questo mondo, dovreste sapere quali sono le principali materie prime in cui potete investire e i migliori broker per investire in materie prime.

Metalli preziosi

In generale, parliamo di oro, argento, platino e palladio. Il loro valore è determinato dalla loro scarsità e sono tutti genericamente definiti titoli rifugio. Forse non hanno rendimenti elevati, ma sono sicuramente facili da vendere e forniscono liquidità immediata. Se possedete metalli preziosi e avete bisogno di convertirli in moneta fiat, sapete che basta vendere per convertirli e che lo farete immediatamente.

Leggi anche:

Materie prime energetiche

Si tratta principalmente di gas naturale, carbone, petrolio e prodotti petroliferi. Anche il settore delle energie rinnovabili è stato inserito nell'equazione e può essere investito attraverso le società che lo sfruttano.

La nuova rivoluzione verde può rappresentare uno stimolo interessante per gli investimenti in materie prime.

Materiali industriali

Si tratta di materiali come ferro, zinco, rame e acciaio, essenziali per il funzionamento del tessuto industriale. Sono materie prime molto importanti per lo sviluppo dell'uomo e dell'industria.

Materie prime agricole

All'interno di questa classificazione troviamo mangimi per animali, cotone o partite di bestiame.

Prodotti deperibili

Si tratta di materie come mais, soia, grano e zucchero.

Ovviamente, l'investimento in questo tipo di materie prime avviene attraverso azioni, contratti futures o ETF, come vedremo più avanti.

GruppoMaterie prime
Metalli preziosiOro, argento, platino, palladio.
Materiali industrialiFerro, zinco, rame e acciaio.
Prodotti agricoli e zootecniciMangimi per animali, cotone o partite di bestiame.
EnergiaGas naturale, carbone, petrolio e prodotti petroliferi.
Prodotti deperibiliMais, soia, grano e zucchero.

Quali sono le 7 materie prime più scambiate in Borsa?

Tuttavia, non tutte le materie prime sono di pari interesse. Questi sono i 7 che sono meglio scambiati e, quindi, quelli in cui l'investimento potrebbe essere considerato più interessante da alcuni.

Petrolio greggio Brent

Originario del Mare del Nord, si caratterizza per essere un prodotto leggero ed è anche il petrolio di riferimento in Europa. Date le sue condizioni, è il prodotto ideale per la produzione di benzina. Come curiosità, va detto che si tratta di un tipo di petrolio greggio che viene estratto dall'oceano, utilizzando una tecnica chiamata fracking.

Potrebbe interessarti: come investire nel petrolio.

Acciaio

È la fusione a caldo di ferro e carbonio. Ubiquitario nel mondo industriale, l'acciaio è una delle materie prime più interessanti per gli investimenti.

Ha la qualità di poter essere lavorato continuamente senza perdere le sue proprietà e viene utilizzato praticamente in tutti i tipi di impianti industriali, oltre che nel settore dello sviluppo urbano. La Cina è al primo posto nel mondo per la produzione di acciaio e ne produce nove volte di più dell'intera Unione Europea.

Petrolio greggio WTI

Si tratta di petrolio greggio West Texas Intermediate, prodotto in Nord America. Questo petrolio, così come il Brent, determina il prezzo di altri combustibili a livello mondiale. La produzione di questo tipo di greggio è rimasta molto stabile per decenni fino all'inizio del 2020. Leggi anche: Differenze tra Brent e WTI.

Semi di soia

La soia è stata definita da molti come il cereale del futuro. La sua domanda a livello mondiale è molto elevata, il che significa che grandi estensioni del territorio americano producono questa materia prima. Brasile, Stati Uniti e Argentina sono i principali produttori mondiali di soia. Il rovescio della medaglia è che gran parte dell'Amazzonia e delle aree forestali dell'Argentina vengono disboscate per coltivare la soia.

Dalla soia si estraggono numerosi sottoprodotti, tra cui farina, latte e olio. È anche un componente dei mangimi per animali.

Ferro

Il ferro è così importante che ha dato il nome a un periodo della preistoria. Il ferro è una delle materie prime per eccellenza, elemento fondamentale dell'acciaio e base per la fabbricazione di un'enorme varietà di prodotti. Il più grande produttore di ferro al mondo è l'Australia, con 900 milioni di tonnellate all'anno.

Mais

Il mais è il cereale più coltivato al mondo. È possibile produrre un gran numero di prodotti a base di mais e di semi di soia. Può anche essere utilizzato per produrre combustibili vegetali, destinati a guidare una nuova rivoluzione nei confronti del petrolio. Gli Stati Uniti, seguiti da Brasile e Cina, formano il podio dei Paesi produttori di mais.

Oro

Investire in oro è forse il'investimento di punta. È un metallo prezioso che si caratterizza per la sua scarsità e può essere acquistato in forma digitale per il commercio.

Come investire in materie prime?

L'investimento in materie prime può essere effettuato in diversi modi. Di seguito sono riportate le principali e più comuni modalità di investimento in materie prime.

Investire in materie prime attraverso l'esposizione fisica

Questo era il modo tradizionale di investire fino alla comparsa dei mercati azionari e, soprattutto, dei contratti a termine. Consiste nell'acquisto di una merce e nel suo stoccaggio. Si tratta di un'azione comune per alcuni tipi di prodotti, quelli in cui il passare del tempo non implica un deterioramento, ad esempio i metalli preziosi.

Tuttavia, c'è un problema legato all'investimento attraverso l'esposizione fisica. Tenere l'oro in casa non è un'opzione molto consigliabile, a meno che non sia conservato in una cassetta di sicurezza.

Se lo conservate nel caveau di una banca, dovrete sostenere un'altra serie di costi. Investire in materie prime attraverso l'esposizione fisica può essere possibile con questi metalli, ma non con materie prime deperibili come il mais, lo zucchero o il bestiame, che comportano anche un problema logistico e di stoccaggio, oltre al costo finanziario.

Investire in materie prime con le azioni

Si tratta di uno dei modi più semplici di investire, in quanto si tratta di detenere azioni di società legate alle materie prime. Possiamo prendere il caso di uno zuccherificio o di un'azienda che si occupa della lavorazione del petrolio greggio. Se il prezzo della materia prima aumenta, ovviamente aumenterà anche il prezzo delle azioni della società in cui partecipiamo.

Si tratta di un modo molto comune di investire in materie prime, per la sua convenienza e per la possibilità di tenere d'occhio i prezzi. Inoltre, abbiamo accesso a praticamente tutti i mercati che trattano le materie prime e possiamo scegliere quello che ci interessa. Si tratta di un notevole passo avanti rispetto all'investimento in materie prime per disposizione, che attualmente è praticamente limitato ai metalli preziosi e non è adatto in moltissimi casi.

Investire in materie prime attraverso contratti futures

Concludiamo con un altro modo di investire in materie prime. Un contratto future è un contratto in cui gli investitori concordano di effettuare una transazione per una quantità specifica di una merce a un prezzo specifico in una data futura.

Il prezzo di tali contratti è generalmente basato sul prezzo a pronti dell'attività sottostante. Ma sono diversi i fattori che determinano il prezzo finale. Stiamo parlando del tempo che manca alla consegna, degli interessi sui costi di stoccaggio stessi. In questo caso il profitto dipenderà dal lato in cui cade la previsione, per l'acquirente o per il venditore.

Nel caso del venditore, egli otterrà un profitto se il prezzo dell'attività sottostante è diminuito entro la data di scadenza. Al contrario, l'acquirente otterrà un rendimento se il valore è aumentato entro la data concordata.

ETF materie prime

I fondi negoziati in borsa o ETF sono diventati un modo molto interessante di investire. Consentono l'acquisizione di attività che replicano un indice di nostro interesse e, in effetti, esiste un'ampia varietà di ETF legati alle materie prime.

In questo caso non vengono scambiate in azioni, ma in futures e altri derivati, nonché in contratti specifici, che sono garantiti da tali materie prime in forma fisica. Il loro obiettivo è replicare una specifica materia prima o uno specifico indice.

È importante distinguere se si sta replicando una particolare commodity, come l'oro, o un gruppo di commodity. Le repliche, quando si tratta di investire in ETF, possono essere fisiche o sintetiche.

Leggi anche:

Investire in materie prime con gli ETC (Exchange Traded Commodities)

Gli Exchange Traded Commodities o ETC sono strumenti di investimento quotati in borsa e scambiati come azioni che consentono all'investitore di acquisire un'esposizione alle materie prime su base individuale, settoriale o globale.

Queste materie prime negoziate in borsa vi permettono di beneficiare di tutte le qualità che ho descritto in precedenza, pur tenendo conto di alcuni rischi simili a quelli dei contratti futures, poiché questi ETC replicano indici i cui componenti sono futures delle materie prime in questione.

In questo articolo vi abbiamo accompagnato nell'avventura dell'investimento in materie prime, che si tratti di azioni, futures o ETF. Tuttavia, per le materie prime come per qualsiasi altro tipo di prodotto d'investimento, la cautela deve sempre essere la nostra caratteristica principale.

Se non avete familiarità con il funzionamento dei mercati azionari, una piattaforma con un conto demo è lo strumento perfetto. Ci permette di investire con dati reali, ma con denaro fittizio. Pertanto, non c'è alcun rischio per noi ed è una grande scuola che avremo a disposizione.

Investire in materie prime con i CFD

Un altro metodo è quello di fare trading tramite i contratti per differenza. I CFD su petrolio, gas naturale, oro o argento, a causa di una leva più alta, consentono di usare un capitale inferiore per ottenere una maggiore esposizione. Con questo prodotto derivato si può speculare sui movimenti di prezzo dello strumento sottostante senza assumere l'effettiva proprietà del prodotto stesso.

Leggi anche:

Investi in materie prime con i migliori broker

IG
Deposito minimo:

$0.00

Deposito minimo:

$0.00

XTB
Deposito minimo:

$0.00

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Required)

Guida di ETF

Questo e-book ti aiuterà a imparare ciò che devi sapere per iniziare con successo i tuoi investimenti:

  • Concetti di base
  • Cosa sono e come funzionano gli ETF
  • Consigli utili per investire

Articoli correlati

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy