Che commissioni si pagano per il trading online

Quando si opera sul mercato nazionale o internazionale per comprare strumenti finanziari attraversi un broker online, si devono pagare commissioni di trading. In alcuni mercati, come quello latinoamericano o asiatico, sono pochissimi i broker che li offrono o sono estremamente costosi.

webank commissioni trading

Inoltre, non si deve dimenticare la tassazione o l'elaborazione di moduli per il pagamento delle plusvalenze derivanti dall'attività di trading. Potrebbe interessarti:

Prima di iniziare, è essenziale capire cos’è un broker e che tipo di commissioni applica.

Commissioni di trading con i broker online

I broker permettono il trading online e sono generalmente società private il cui scopo è quello di ottenere un profitto dal servizio offerto. Pertanto, è importante chiarire che alcuni broker applicano commissioni e altri no, poiché molte volte i loro profitti provengono da altri metodi che non comportano un costo per il trader o l’investitore. Qui trovi i migliori broker con zero commissioni.

Tipi di commissioni di trading

Commissione di acquisto/vendita

La commissione viene addebitata in base alla transazione di acquisto/vendita delle azioni. La commissione è solitamente una percentuale del valore nominale della transazione o una tariffa fissa.

Tassa di custodia

Si tratta della commissione applicata per la detenzione delle nostre azioni. Viene maturato per la posizione in titoli e per l'immissione di nuovi titoli.

A seconda dell'intermediario convenzionato, le commissioni di custodia possono essere addebitate sul valore nominale delle azioni, sul valore effettivo dei titoli, addebitate a un minimo per titolo o per mercato, o addebitate a un tasso forfettario per questo tipo di partecipazione.

Le commissioni di custodia possono essere addebitate mensilmente, trimestralmente, semestralmente o annualmente.

Commissione di borsa

Si tratta della commissione applicata dalle diverse borse internazionali. Alcuni di questi operatori sono NYSE e NASDAQ negli Stati Uniti, NYSE Euronext in Europa o LSE (London Stock Exchange) nel Regno Unito, le controparti di Bolsas y Mercados Españoles (BME).

Questa commissione è indipendente dal broker in quanto dipende dalla borsa valori stessa.

Commissione per la riscossione dei dividendi

Ogni volta che riceviamo un dividendo, il broker può addebitarci una commissione (anche se in molti casi è solitamente gratuita). Nel caso in cui ci venga addebitata questa commissione, dobbiamo tenere presente che nelle borse estere è comune ricevere quattro dividendi all'anno, quindi il nostro broker ci addebiterà le quattro commissioni corrispondenti.

Spread

Lo spread è la differenza di valore tra il prezzo di domanda e di offerta di un'attività. È anche noto come spread denaro-lettera.

Supponiamo di acquistare un titolo e di pagare il prezzo ASK. Un secondo dopo, senza che il prezzo del mercato sia cambiato, lo vendiamo, ma questa volta al prezzo dell'offerta. Questo singolo movimento genererà una perdita dovuta allo spread tra i due prezzi.

Se il broker è la controparte in entrambe le operazioni, guadagnerà la differenza tra i due prezzi.

Swap

Lo swap è una commissione di interessi che viene addebitata o accreditata sul conto di trading alla fine di ogni giornata di trading e viene calcolata in modo diverso a seconda del mercato in cui si opera.

Ampiamente utilizzato nei mercati Forex, lo swap è il differenziale di tasso d'interesse tra le due valute che si stanno negoziando. Quando si fa trading sul Forex con margine, si ricevono o si pagano interessi sulle proprie posizioni a seconda che si tratti di un'operazione di acquisto o di vendita. La differenza tra questi valori è nota come carry trade.

Commissioni di cambio

Se investiamo al di fuori dell'area dell'euro, dovremo effettuare un cambio di valuta, il che può significare anche una perdita nello svolgimento delle nostre operazioni. Di solito varia tra lo 0,1% e l'1%.

Canone di manutenzione

Per il deposito delle nostre azioni, il broker può richiedere una commissione. A seconda del broker, la commissione di mantenimento viene addebitata a intervalli diversi: alcuni broker la addebitano trimestralmente, altri semestralmente.

Questa commissione non deve essere confusa con la commissione di custodia, in quanto viene addebitata indipendentemente dal fatto che il cliente abbia investito o meno il proprio denaro.

Altri costi

Un aumento di capitale potrebbe essere il motivo per cui il broker a cui ci siamo rivolti potrebbe addebitarci anche altri tipi di commissioni. Anche un'offerta pubblica di acquisto o un trasferimento di titoli può generare un costo aggiuntivo.

Si può fare trading senza commissioni o con zero commissioni?

A nessuno piace pagare. Nel caso dei nostri investimenti, è logico che paghiamo per la loro custodia o gestione, ma anche così, se possiamo evitare di pagare, tanto meglio.

Ma ci sono broker con i quali far trading senza commissioni o con zero commissioni? In teoria, sì, ma naturalmente, questi broker sono un business e come tali, hanno bisogno di fare soldi in qualche modo. Quindi, ci sono diversi broker che affermano di non addebitare commissioni, ma in realtà, hanno diverse forme alternative di reddito che vi spiegheremo.

I broker online con commissioni gratuite o con parte dei loro servizi gratuiti, generalmente ottengono il loro reddito da:

  • Commissione per il cambio di valuta.
  • Commissione per servizi aggiuntivi.
  • Reddito dalla vendita del flusso di ordini.

Oltre a queste entrate, i broker senza commissioni hanno un'altra fonte nascosta di reddito: di solito vendono gli ordini dei loro clienti privati ai market maker, quindi il cliente, anche se non vede alcun costo esplicito per la transazione, è probabile che abbia prezzi di esecuzione peggiori che con un broker pagato. Leggi quali sono i migliori broker con zero commissioni.

Questo può significare che, anche se non si tiene conto della commissione, può essere più costoso per il cliente finale comprare azioni con un prezzo di esecuzione inferiore che pagare una commissione di acquisto e vendita.

Quindi, non tutto è come sembra. Prima di scegliere un broker, dovreste controllare quale sia il più adatto alle vostre esigenze e fare uno studio completo delle sue commissioni, così come delle sue recensioni.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF
Consent(Obbligatorio)



Articoli correlati

Come funziona il trading automatico?
Una delle forme di investimento più in voga negli ultimi anni sono i sistemi di trading automatico, basati su algoritmi matematici. Ma cos'è il trading automatico, come funziona e, soprattutto, quali sono i suoi vantaggi e svantaggi? In questo art...

Lasciate i vostri pensieri

guest
0 Commenti
Feedback in linea
Visualizza tutti i commenti
Benvenuto nella comunità!

Seleziona i temi che ti interessano e personalizza la tua esperienza in Rankia

Ti invieremo una newsletter ogni due settimane con le novità di ogni categoria che hai scelto


Vuoi ricevere le notifiche dei nostri eventi/webinar?


Continuando, accetti l'informativa sulla privacy