Dove investire nel 2024: consigli e opportunità

Lo scorso anno si è caratterizzato per una dinamica contrastante: un inizio anno difficile seguito da una vigorosa ripresa nell'ultimo trimestre. Queste oscillazioni si sono riflesse nelle performance dei prodotti di risparmio gestito, come evidenziato dalle analisi condotte da Online SIM Blog in collaborazione con Fida, che hanno portato alla creazione delle classifiche dei migliori fondi.

Dalle valutazioni effettuate su questi fondi, si sono evidenziati alcuni trend significativi sia nel settore azionario che in quello obbligazionario. Questi trend offrono una panoramica sui cambiamenti strutturali che stanno avvenendo nel lungo termine. Tra le tendenze emergenti si notano investimenti più audaci nell'obbligazionario, una crescita sostenuta nei settori legati alla tecnologia e una ripresa nei mercati emergenti.

Mercati finanziari: cosa ne sarà dell'inflazione nel 2024

L'espressione utilizzata “A bad year for the economy, a better year for markets” questa espressione che nel commento allo scorso anno era stata utilizzata per sintetizzare le aspettative dei principali analisti si è rivelata appropriata e potrebbe caratterizzare efficacemente anche il 2024.

Nel corso dell’anno appena iniziato, il ciclo di politica monetaria restrittiva che ha portato il tasso di interesse ai massimi nel corso del 2023 dovrebbe finalmente volgere al termine consentendo alla performance positiva dei mercati azionari di continuare. Dunque il 2024 si presenta come un anno ancora  difficile per l’economia, perché si prevede un generale rallentamento della crescita, tuttavia a fronte di livelli di inflazione in linea con i target prefissati i tassi di interesse dovrebbero diminuire. Dal punto di vista dei mercati, una parte rilevante delle “cattive notizie” è già stata scontata nelle quotazioni attuali e di conseguenza è probabile che si possano registrare performance anche migliori rispetto all’anno appena concluso. 

In cosa investire nel 2024 per proteggersi dall'inflazione? 

Anche se dal punto di vista dei trend di crescita dell’inflazione è probabile che il peggio sia passato, nei prossimi mesi questo indicatore rimarrà su livelli ancora elevati rispetto a quanto osservato negli ultimi 20 anni per cui è opportuno considerare una serie di investimenti per ridurre il rischio della perdita di potere d’acquisto.

Gli investimenti sicuri che solitamente vengono considerati come protettivi contro l'inflazione sono quelli che hanno un rendimento superiore alla media dei tassi di inflazione. Questi possono includere:

  • Azioni di società con buoni fondamentali e capacità di aumentare i prezzi dei loro prodotti in linea con l'inflazione.
  • Crowfunding immobiliare e investire nell'immobiliare, poiché i prezzi delle proprietà tendono ad aumentare in linea con l'inflazione.
  • Investimenti legati a materie prime, poiché i prezzi delle materie prime tendono ad aumentare in periodi di inflazione.
  • Titoli di Stato e obbligazioni a tasso variabile, poiché i loro tassi di interesse aumentano in linea con l'inflazione.
  • Fondi comuni di investimento ed ETF indicizzati all'inflazione, che replicano l'andamento di un indice di inflazione.

Sebbene l’oro e i beni rifugio siano tradizionalmente considerati utili presidi contro la crescita dei prezzi la loro efficacia a questo scopo varia a seconda del periodo storico. Inoltre, occorre considerare che il prezzo di queste attività, che non generano rendimenti come cedole o dividenti, tende a venire penalizzato in termini di costo opportunità dalla crescita del tasso di interesse che tipicamente si realizza nei periodi di alta inflazione. 

Investire in materie prime: un altro modo per coprirsi dall'inflazione 

Ci sono diversi modi e strumenti finanziari per un risparmiatore privato di investire in materie prime, tra cui:

  • ETF (Exchange Traded Funds) e fondi comuni di investimento che investono in materie prime: Questi strumenti consentono di investire in un paniere di materie prime, come oro, argento, petrolio e metalli industriali, senza dover acquistare fisicamente le materie prime.
  • Contratti future: i contratti future consentono di acquistare o vendere una materia prima ad un prezzo specifico in un momento futuro. Tuttavia, questi strumenti sono più complessi e possono comportare rischi significativi.
  • Certificati: i certificati rappresentano una quota di una materia prima e possono essere acquistati attraverso una banca o un intermediario finanziario. Come gli ETF e i fondi comuni di investimento, i certificati permettono di investire in materie prime senza doverle acquistare fisicamente.
  • Acquisto fisico: l'acquisto fisico di materie prime, come oro e argento, è un'altra opzione per investire in materie prime. Tuttavia, questo metodo richiede un maggiore impegno in termini di custodia e sicurezza delle materie prime acquistate.

Broker per investire nel 2024

In questo articolo vedremo una rassegna di quali sono le azioni, obbligazioni, fondi ed ETF che meglio hanno performato l'anno passato è che gli analisti prevedono che avranno buone prestazioni anche quest'anno.

Con una così grande varietà di prodotti e mercati, è importante scegliere un broker che assicuri una copertura importante. Interactive Brokers dà accesso a oltre 150 mercati finanziari in 33 Paesi con 24 valute, dal Nord al Sud America al Sud, Europa, Asia e Australia, fornendo agli operatori l'accesso diretto online a una vasta gamma di esecuzione degli ordini e servizi di compensazione. L'accesso ai dati di mercato è garantito 24 ore su 24 e 6 giorni su 7.

Alcuni strumenti utili su Interactive Brokers:

  • IBKR SmartRoutingSM aiuta a ottenere la migliore esecuzione cercando i migliori prezzi disponibili per azioni, opzioni e combinazioni tra borse e dark pool.
  • Da dicembre 2021 Interactive Brokers ha introdotto GlobalAnalyst, un nuovo strumento che permette agli investitori di confrontare le valutazioni relative e metriche finanziarie delle azioni a livello globale.
  • La app GlobalTrader, un'applicazione di trading mobile facile da usare e ben progettata.
  • Trader Workstation è la piattaforma altamente professionale di Interactive Brokers e si distingue per il suo terminale tecnico multifunzionale, in quanto dispone di sistemi già pronti e della possibilità di collegare i propri algoritmi via IP. Inoltre, la workstation per day trader consente agli utenti del servizio di eseguire operazioni su tutti i titoli quasi istantaneamente.
dove investire

La Trader Workstation ha una curva di apprendimento un po' ripida ma è possibile aprire un conto demo per familiarizzarsi poco a poco con la piattaforma prima di iniziare a investire.

Mercati

Italia, Europa, USA, Canada, Asia, Australia

Broker affidabile con 1.54M di conti clienti e un capitale di 10.01 miliardi di dollari, quotato al Nasdaq.

Commissioni basse e migliore esecuzione dei prezzi possibile grazie al sistema IB SmartRoutingSM.

Piattaforme e strumenti di trading gratuiti - abbastanza potenti per i trader professionisti, ma progettati per tutti.

Deposito minimo:

€0.00

Per scoprire tutti i prodotti e le commissioni di IB leggi: recensioni Interactive Brokers.

Fondi italiani ed internazionali

Il 2023 è stato un anno complesso ma non del tutto sfavorevole per il settore del risparmio gestito in Italia. Nonostante una raccolta netta ancora in negativo fino a novembre, si è verificato un incremento del patrimonio gestito, raggiungendo i 2.255 miliardi di euro a fine mese, rispetto ai 2.195 miliardi di ottobre e ai 2.200 miliardi di fine 2022. Questo aumento si deve in gran parte all'effetto positivo del mercato, come sottolineato dall'ufficio studi di Assogestioni.

Nonostante le sfide, i fondi di società italiane (con sede in Italia) hanno registrato una ripresa significativa nei rendimenti. Secondo un'analisi di FundsPeople basata sui dati Morningstar Direct al 31 dicembre 2022, la performance media è stata dell'8,64%.

Ogni categoria di investimento ha generato rendimenti positivi, con l'equity in testa. Questo risultato ha tratto vantaggio anche dall'eccezionale performance della Borsa italiana nel 2023, che ha visto il Ftse Mib crescere del +28%, guidato principalmente dal settore bancario, beneficiato dall'aumento dei tassi di interesse.

Tra i fondi italiani che hanno mostrato i migliori rendimenti nel 2023, spicca Fideuram Italia, un fondo azionario Italia, con un rendimento del 31,43%, seguito da Anima Italia con il 30,73% e Anima Iniziativa Italia (+29,62%). Questi ultimi due, entrambi gestiti da Anima SGR, hanno una forte concentrazione nel settore finanziario, che costituisce una parte significativa della loro composizione di portafoglio.

Per quanto riguarda i fondi internazionali, nonostante nel 2023 gli investitori abbiano mostrato una preferenza per gli strumenti a reddito fisso, attratti dalle alte rendite garantite, i fondi gestiti da operatori internazionali con i rendimenti più alti sono stati quelli azionari. Un aspetto interessante è che quattro di questi fondi sono legati ai settori della tecnologia e dell'intelligenza artificiale, il che non sorprende dato il trend dei mercati.

Le azioni hanno avuto un anno eccezionale, con alcuni fondi che hanno registrato guadagni fino al 65,88%, come è il caso del fondo Rothschild & Co. R-co Thematic Blockchain Global Equity.

Un altro dato di rilievo è il ritorno in auge di Kristian Heugh, gestore azionario di Morgan Stanley IM. Dopo tre anni di performance al di sotto delle aspettative in molte delle sue strategie principali della serie MS IM Opportunity, nel 2023 il suo Global Opportunity ha ottenuto risultati eccellenti, posizionandosi al vertice nella categoria Morningstar Global Large-Cap Growth Equity. Morgan Stanley IM si è distinta anche con altri gestori che hanno avuto un anno positivo. Tra i migliori gestori di fondi internazionali del 2023, quattro appartengono a questa società: MS INVF Global Endurance, MS INVF US Insight, MS INVF Global Opportunity e MS INVF Global Insight. Questi fondi, guidati rispettivamente da Manas Gautam, Kristian Heugh e il team di Dennis Lynch di Counterpoint Global, hanno beneficiato della loro forte esposizione nel settore IT, con investimenti in aziende come Uber, Shopify e Cloudflare, che hanno contribuito significativamente ai loro risultati nel corso dell'anno.

Scopri quali sono i migliori fondi di investimento per il 2024.

Il mercato azionario nel 2024

Un criterio di selezione per scegliere le azioni da acquistare nel 2024 può essere quello di privilegiare quelle che oltre ad avere solidi fondamentali presentano la prospettiva di pagare elevati dividendi con regolarità. Questi titoli dovrebbero presentare una volatilità inferiore alla media del mercato ed offrire il vantaggio di integrare il reddito dei risparmiatori con pagamenti regolari. 

Qui trovi tutte le azioni su cui investire.

I titoli energetici che hanno offerto una valida copertura nei momenti di inflazione elevata e potrebbero salire ancora nel nuovo anno. Molti di essi offrono inoltre dividendi particolarmente succosi. Tra questi si possono segnalare:

TitoloArea di AttivitàDIVIDEND YIELD
Pioneer Natural Resources Oil and gas producer11.2%
Enterprise Products PartnersMidstream energy services provider7.8%
ChevronIntegrated energy and chemicals producer3.2%

Da valutare anche le grandi aziende farmaceutiche, che spesso pagano dividendi solidi. Scopri quali sono le migliori azioni farmaceutiche.

I fondi di investimento immobiliare (REIT) sono noti per i loro elevati rendimenti da dividendo. Ecco alcuni dei migliori REIT sul mercato. Tutti questi titoli hanno subito una flessione nel 2023, con alcuni di essi in forte calo. Tuttavia, se la Federal Reserve stabilizzerà i tassi nel corso dell'anno, i titoli potrebbero registrare un buon rimbalzo.

TitoloArea di AttivitàDIVIDEND YIELD
Easterly Government Properties REIT focusing on government properties7.4%
Medical Properties Trust REIT focusing on hospitals10.3%
Rithm Capital REIT focusing on providing capital to financial services and real estate sectors12.1%

Se vuoi sapere quali sono i migliori REIT leggi questo articolo.

Dove investire i soldi: aumento dell'ESG 

La rapida evoluzione del contesto geopolitico e macroeconomico ha contribuito ad aumentare l’interesse per gli investimenti ESG e la sensibilità verso il cambiamento climatico evidenziando agli investitori la necessità di comprendere le sfide e le opportunità che le aziende devono affrontare in questo contesto.

La guerra in corso in Ucraina e il contesto di alta inflazione potrebbero limitare la pressione a breve termine per ridurre le emissioni globali di gas serra, dato che i governi danno priorità alla sicurezza energetica e all'accessibilità dei prezzi. Ma per le aziende elettriche, sostituire il carbone e il petrolio con il gas naturale potrebbe non essere l'unica opzione praticabile. Nel 2024, sarà importante osservare quali sono le aziende che tengono d'occhio le tendenze di decarbonizzazione a lungo termine e che espandono il loro investimento in energie rinnovabili.

Negli ultimi anni, la Cina e l'UE hanno rafforzato le politiche e le linee guida sul trattamento circolare dei materiali e dei rifiuti, compresi i rifiuti elettronici (e-waste). Nel settembre 2022, gli Stati Uniti hanno seguito l'esempio, approvando una legge sul riciclaggio delle batterie dei veicoli elettrici. L'estrazione efficiente dei metalli dai rifiuti elettronici potrebbe ridurre la dipendenza dalle miniere e le emissioni.

Megatrend e investimenti tematici (ETF) 

Non è semplice individuare quale potrebbero essere i Megatrend del 2024 anche diversi fattori contingenti, dalla normalizzazione dei tassi alle tensioni geopolitiche emerse dopo l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, potrebbero influenzare le scelte di breve termine rallentando la realizzazione delle tendenze strutturali. 

Tra o principali megatrend dell’anno è possibile comunque annoverare

  • sicurezza e transizione energetica che fa riferimento alla necessità per stati sovrani di disporre di un flusso stabile e affidabile nel tempo di energia, adatto a sostenere la domanda e al tempo stesso a garantire un adeguato ed equo livello di benessere ai cittadini – questo trend ha assunto particolare rilevanza a partire dal 2022 in seguito alle tensioni geopolitiche derivanti dal conflitto tra Russia e Ucraina – per prendere posizioni su questa tematica più che alle singole azioni è preferibile guardare agli ETF specializzati su energia e fonti rinnovabili quali ad esempio
    • iShares Global Clean Energy UCITS ETF USD (Dist) che replica i 30 titoli azionari più grandi e liquidi di tutto il mondo che sono impegnati nell'economia delle energie pulite.
    • Invesco Global Clean Energy UCITS ETF Acc che replica le società di tutto il mondo che si focalizzano sulle risorse energetiche rinnovabili più ecologiche e sulle tecnologie a supporto dell’energia pulita.
    • First Trust Nasdaq Clean Edge Green Energy UCITS ETF Acc che  replica aziende di tutto il mondo che operano nell'industria dell'energia rinnovabile.
  • intelligenza artificiale che al di là dei fenomeni di costume legati alla presentazione di progetti come chat GTP costituisce un fenomeno che investirà quasi tutti gli aspetti dell’attività umana con potenzialità che al momento non possiamo ancora prevedere – anche in questo caso è troppo rischioso puntare su singoli titoli e dunque preferibile puntare su ETF specializzati in robotica e intelligenza artificiale come ad esempio:
    • Lyxor MSCI Robotics & AI che investe in società globali (prevalentemente americane) che si occupano dello sviluppo dell’intelligenza artificiale e della robotica, o che acquisiscono profitti da tali sviluppi.
    • Global X Robotics & Artificial Intelligence ETF : investe in aziende attive nel segmento della robotica industriale, dell’automazione e della costruzione di robot non industriali e veicoli autonomi. Paniere di riferimento è l’Indxx GlobalRobotics & Artificial Intelligence Thematic Index
    • L&G ROBO Global Robotics and Automation che replica l’andamento dell’indice ROBO-STOX Global Robotics and Automation attraverso replica sintetica, ovvero attraverso l’acquisto di tutti i titoli presenti nel fondo.
  • Cybersecurity sicuramente uno dei temi più caldi degli ultimi anni reso particolarmente rilevante dalla crescente diffusione dalle piattaforme digitali in tutti settori dell’attività economica, dalla forte attenzione riservata dai regolatori alle tematiche della sicurezza e al rilevante flusso di investimenti di matrice sia pubblica che privata, realizzati e attesi in questo comparto – tra i principali ETF con i quali è possiile prendere posizione su questa tematica possiamo segnalare
    • WisdomTree Cybersecurity UCITS ETF USD Acc che investe in azioni di società operanti nella Cyber Security con un buon frazionamento, evitando così concentrazioni troppo elevate.
    • Rize Cybersecurity and Data Privacy UCITS che replica il Foxberry Tematica Research Cybersecurity & Data Privacy index un indice molto frazionato nel quale nessun titolo rappresenta più del 4% del totale
    • L&G Cyber Security UCITS che presenta un paniere molto ben diversificato, in cui ogni titolo ha un peso massimo di circa il 4% e le principali azioni selezionate sono BlackBerry Ltd, Fastly e Cloudfare..

Sfide e opportunità di investimento 2024 

Le sfide più importanti del 2024 riguardano la sconfitta definitiva dell’inflazione e il superamento della fase di debolezza della crescita economica. Se nel corso dell’anno si concretizzerà la riduzione prevista dalla maggioranza degli osservatori, è plausibile che le banche centrali realizzino nel corso del 2024 i tagli che tutti si attendono.

Con riferimento alle opportunità di investimento, nel 2024 le asset class a cui guardare sono sicuramente l’obbligazionario, in particolare nel primo semestre e l’azionario in modo selettivo. L’obbligazionario, a fronte della risalita nei tassi, torna ad essere una componente utile per un portafoglio bilanciato e costituisce un valido strumento per contrastare l’erosione del potere d’acquisto operata dalla crescita dell’inflazione. 

Altra opportunità, in un’ottica di medio periodo, è data sicuramente dalle azioni concentrandosi su quelle che presentano buoni fondamentali.

Consigli per investire nel 2024

Concludiamo l’articolo con qualche consiglio per investire nel nuovo anno basato sulle seguenti considerazioni:

  • nonostante l’inflazione sia in calo e tassi di interesse abbiano probabilmente raggiunto massimi dai quali si può solo scendere detenere liquidità rimane costoso sia per l’erosione del potere d’acquisto causato dall’aumento dei prezzi sia per il costo opportunità rispetto ai maggiori rendimenti ottenibili dell'investimento in obbligazioni.
  • l’aumento dei tassi di interesse ha comportato una riduzione nei prezzi di molti titoli obbligazionari che risultano, nonostante la parziale risalita del dicembre 2023 ancora convenienti.
  • la scelta migliore in ottica di lungo termine rimane quella di prediligere titoli azionari di aziende solide  che presentano elevati potenziali di crescita, per esempio ecco 3 azioni in cui investire nel 2024:
  • Alphabet (NASDAQ: GOOGL)
    • L'attività sottostante di Alphabet rimane forte: Google domina il mercato dei motori di ricerca, Android è il sistema operativo mobile più utilizzato, YouTube è la più grande applicazione di ricerca video, Google Cloud continua a crescere a passi da gigante
    • Ci sono sicuramente delle incognite legate alla crescita di TikTok che potrebbe minacciare la posizione dominante di YouTube e alle evoluzioni di ChatGPT che potrebbe mettere in discussione il predominio di Google tra i motori di ricerca, tuttavia si tratta di sfide ancora aperte che 
    • Il titolo risulta particolarmente conveniente in base alle proiezioni del flusso di cassa futuro. 
investire oggi
  • Walt Disney (NYSE: DIS)
    • il più grande vantaggio competitivo di Walt Disney è che non esistono aziende comparabili, ci sono altri parchi a tema da visitare e film da vedere, ma quando si tratta della libreria di contenuti che la Disney possiede, delle decine e decine di personaggi riconoscibili e dei legami emotivi che questi personaggi evocano in persone di tutte le età, non c'è nessun'altra azienda che possa competere.
    • le azioni di questa società sono vicine ai minimi di nove anni e sono valutate meno di 18 volte gli utili previsti da Wall Street per l'anno fiscale 2024 
dove investire nel 2023
  • Amazon (NASDAQ: AMZN)
    • Amazon.com è uno dei principali negozi di e-commerce al mondo con un fatturato di 502 miliardi di dollari e vende sia prodotti propri che di terzi, inoltre ha divisioni di business in forte crescita negli abbonamenti on line, nella pubblicità e nell’hosting web.
    • La divisione Amazon Web Services (AWS) è la più grande piattaforma di cloud computing al mondo con il 34% del mercato con fatturato e utili in crescita a doppia cifra rispetto all'anno precedente. 
    • Le azioni di Amazon hanno chiuso il 2022 con un calo del 50% rispetto all'anno precedente. Di conseguenza, le azioni sono attualmente scambiate a un multiplo prezzo/vendite (P/S) di 1,8, la valutazione più bassa degli ultimi otto anni.
dove investire soldi

Come selezione di titoli obbligazionari in cui investire nel 2024 si può guardare ai migliori BTP che a metà gennaio presentano il rendimento netto a scadenza più elevato. Si tratta di titoli che espongono a un rischio pari a quello della repubblica italiana, che offrono rendimenti adeguati a fornire una compensazione per l’inflazione nei periodi in cui rimarrà elevata e che presentano un potenziale di rivalutazione quando i tassi dovrebbero iniziare a scendere.

ETF per il 2024

Nel selezionare gli ETF in cui investire nel 2024 è opportuno considerare che le prospettive dei mercati per l’anno appena iniziato sono molto incerte e ci sono ragioni realistiche per aspettarsi tanto un rimbalzo del mercato  quanto una nuova discesa o una via di mezzo tra i due estremi. Pertanto, le migliori opzioni per gli investitori sono i fondi ampiamente diversificati che si allontanano dalle società suscettibili di questi venti contrari e che sono in grado di sovraperformare nel lungo periodo, indipendentemente da ciò che accadrà:

  • Dimensional US Core Equity 2 ETF (DFAC)
  • Schwab International Dividend Equity ETF (SCHY)
  • Vanguard Total Bond Market ETF (BND)

Qui trovi tutti gli ETF da acquistare nel 2024.

FAQ

Qual è il miglior investimento in questo momento?

Alcuni degli investimenti sicuri più interessanti sono azioni, immobili, investimenti legati a materie prime, obbligazioni, titoli di Stato, fondi comuni di investimento ed ETF indicizzati all'inflazione.

Dove investire risparmi nel 2024?

Tra le opportunità più interessanti ci sono gli investimenti sostenibili, dato che il trend degli investimenti ESG (Environmental, Social, Governance) continua a crescere, con un focus su società che seguono pratiche sostenibili ed etiche. Se hai risparmi da investire leggi: dove investire 1.000 euro o come investire 10.000 euro.

Quali sono gli investimenti più sicuri?

Tra i migliori investimenti sicuri troviamo il conto deposito o il risparmio postale, i titoli di Stato, le obbligazioni corporate o le azioni di aziende solide che pagano dividendi elevati, oltre ai classici beni rifugio come oro, gioielli e opere d’arte. Ti consigliamo: investimenti più sicuri.

Leggi più tardi - Compila il modulo per salvare l'articolo in formato PDF

Articoli correlati